fbpx
Recensioni TechTech

Auricolari true wireless Urbanista Lisbon: la nostra recensione

Abbiamo testato per voi i nuovi auricolari ultracompatti del brand svedese

Se vi foste mai domandati come potrebbe essere il look di un nuovissimo modello di auricolari wireless di un noto marchio scandinavo, sappiate che troverete la risposta negli Urbanista Lisbon, da poco lanciati sul mercato (anche italiano).

Si tratta di un prodotto dal design semplice e accattivante, che nei suoi cinque colori disponibili, tutti di grande impatto, strizza l’occhio al pubblico più giovane.

Ma è allo stesso tempo un oggetto che, pur nell’estrema compattezza (e nel prezzo contenuto), fornisce ottime prestazioni.

Vediamo anzitutto di conoscere meglio gli Urbanista Lisbon attraverso la scheda tecnica. Dopo di che vi racconteremo le sensazioni provate durante le giornate di test. Nelle quali abbiamo usato questi nuovi auricolari wireless (anzi, true wireless) sia per effettuare e ricevere telefonate, che per l’ascolto di musica e audiolibri.

Prima ancora, però, sentiamo come è stato presentato il prodotto da Anders Andreen, CEO, dell’azienda svedese. “Gli auricolari Urbanista Lisbon sono il plus perfetto alla nostra linea true wireless. Potranno essere il prodotto più piccolo della nostra gamma, ma gli auricolari Lisbon offrono un suono indubbiamente potente per le loro dimensioni. Sono ricchi di funzionalità per completare uno stile di vita in movimento e speriamo che i nostri clienti apprezzino questo prodotto divertente tanto quanto noi.”

Urbanista Lisbon

Urbanista Lisbon: gli auricolari true wireless

Gli Urbanista Lisbon, come dicevamo, sono i nuovissimi auricolari true wireless del brand svedese.

Con true wireless (il cui acronimo è TWS, true wireless stereo) si intende l’ultima generazione del wireless. Si tratta, in sintesi, di un segnale stereo Bluetooth. La tecnologia true wireless permette cioè di accoppiare tra di loro due device audio tramite una connessione Bluetooth. Le onde radio sono così trasmesse contemporaneamente (e separatamente) ai due auricolari. Il risultato è un audio più nitido e con minori interferenze.

Urbanista Lisbon

L’estetica degli Urbanista Lisbon

Come abbiamo già detto, l’estetica minimal degli urbanista Lisbon è accattivante fin dalla scatola. La grafica è ridotta all’osso, e i due lati corti riproducono la colorazione della custodia e degli auricolari. Che sono stati lanciati sul mercato nelle tinte nero, rosa, arancio, verde e giallo-beige. Si ha l’impressione che le precise gradazioni cromatiche, insolite e di spicco, siano state scelte con grande attenzione, e siano uno degli elementi che danno all’oggetto un’aria decisamente cool.

La confezione interna è altrettanto sobria, e contiene – oltre agli auricolari e alla custodia – un cavo di ricarica USB-C e due esigui libretti: le istruzioni e la garanzia.

Anche la custodia degli Urbanista Lisbon (ma è più corretto chiamarla culla di ricarica) – con il nome del marchio stampato in bassorilievo nella parte superiore, il led dell’avanzamento della ricarica e il pulsante di reset – ha un design sobrio e intrigante.

Urbanista Lisbon

Le caratteristiche tecniche

Con i Lisbon, Urbanista ha prodotto un paio di auricolari tra i più piccoli in commercio.

Se la custodia pesa 30 grammi, gli auricolari (le cui misure sono 18x16x14 millimetri) ne pesano solo 4 ciascuno.

Di forma half-ear, gli auricolari sono ricoperti da uno strato di silicone trasparente GoFit che, assieme a un anello sporgente, facilitano l’inserimento nell’orecchio e assicurano una buona stabilità.

La connessione Bluetooth 5.2 è pressoché immediata sia con Android che con iOS: li si accoppia una prima volta con il proprio device, dopo di che sarà sufficiente attivare il Bluetooth perché il dispositivo sia immediatamente riconosciuto.

Una ricarica completa, che avviene in tempi rapidissimi (meno di un’ora) assicura 9 ore di ascolto. E la custodia garantisce altre due ricariche complete, per 27 ore totali di utilizzo.

Gli Urbanista Lisbon sono compatibili con Siri e con l’assistente vocale di Google. Unico piccolo limite riscontrato, non sono impermeabili.

Per gli amanti dei dettagli tecnici, gli auricolari hanno driver da 10 mm, risposta in frequenza da 20 Hz a 20 kHz e codec SBC e AAC.

Il costo degli Urbanista Lisbon è di 49,90 euro.

Urbanista Lisbon Auricolari True Wireless, Auricolari...
  • 【Reimmagina la Libertà】 Perditi in un colorato sogno ad occhi aperti con Urbanista Lisbona. Questi auricolari true...
  • 【Eleganti e funzionali】 Incarnando la semplicità del nostro design scandinavo, gli auricolari Urbanista Lisbon sono...
  • 【Riproduzione di lunga durata】Urbanista Lisbona dura 9 ore con una carica completa e puoi ottenere 27 ore di...

Il test

Il test degli Urbanista Lisbon ha dato ottimi risultati sotto tutti i punti di vista. L’accoppiamento con i due smartphone (Android) in nostro possesso è stato rapidissimo, l’indossabilità impeccabile. Ci hanno anche sorpreso i tempi fulminei di ricarica.

Buona la qualità e la nitidezza dell’ascolto, sia durante la riproduzione di musica e audiolibri che durante le telefonate.

Semplice e intuitivo il comando touch sulla parte esterna dell’auricolare. Una serie di comandi (uno o due tocchi sull’auricolare di destra o di sinistra) permettono di mettere in pausa un brano, passare al successivo, regolare il volume. Ma anche rispondere a una chiamata, terminarla o rifiutarla, e attivare l’assistente vocale.

Resta infine un elemento su cui l’azienda ha puntato molto: l’estetica trendy, rivolta a un pubblico giovane. Categoria della quale, ahinoi, chi sta scrivendo questa recensione non fa più parte. Ma questo non ci impedisce di osservare come gli Urbanista Lisbon possano sicuramente catturare il gusto dei ragazzi: per il design, per la qualità del suono e anche per il prezzo contenuto.

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button