fbpx
app tracciamento

La Lettonia lancia Apturi Covid, la sua app di tracciamento ufficiale
Creata sulla base della tecnologia Apple e Google, è adesso disponibile


App Tracciamento: in Lettonia arriva Apturi Covid

App tracciamento: è la Lettonia il primo stato a lanciare ufficialmente la sua variante dell’applicazione basata sulla tecnologia fornita da Apple e Google.

L’App Tracciamento in Lettonia è già pronta

Va alla Lettonia il primato per il lancio della prima app di tracciamento contagi da COVID-19. Il suo nome è “Apturi Covid” (apturi = stop) ed è stata costruita sulla base delle API e della tecnologia sviluppata insieme da Apple e Google.

Apturi Covid è il frutto di un’iniziativa sociale senza scopo di lucro, costruita pro-bono dai leader della vivace industria delle TIC del paese, il tutto in un solo mese. È stata approvata dal governo nazionale che ha dimostrato grande flessibilità e risolutezza quando si è trattato di iniziative volte a combattere il Covid-19.

Con l’aiuto della tecnologia Bluetooth a bassa energia, l’app può rilevare e registrare altri dispositivi mobili che si trovano nelle immediate vicinanze per un periodo di circa 15 minuti. Tutti i dati vengono crittografati e archiviati direttamente sul dispositivo.  Non saranno mai accessibili al proprietario del telefono o ad altri utenti che hanno installato l’applicazione.

Questa solida protezione della privacy garantisce che l’app sia pienamente conforme al GDPR. Inoltre l’elaborazione del protocollo di notifica dell’esposizione viene decentralizzata, poiché avviene sul dispositivo anziché in un server centrale.

I dati memorizzati verranno utilizzati solo se viene rilevato un nuovo positivo al Covid-19. Senza rivelare l’identità della persona infetta, “Apturi Covid” avviserà tutti gli utenti con cui la persona infetta è stata in stretto contatto. A queste persone verrà chiesto di evitare il contatto con gli altri per prevenire la diffusione della malattia.

Il funzionamento, insomma, è lo stesso proposto dalla versione italiana di questa applicazione, ovvero IMMUNI. (clicca qui per le ultime informazioni su Immuni)

La situazione in Lettonia

La Lettonia è il terzultimo paese in Europa per numero di contagi e mortalità. Inoltre, è al terzo posto in Europa per numero di utenti con smartphone attivi, secondo l’OCSE. Anche se l’uso dell’app è totalmente volontario, la stima riporta che inizialmente almeno 1/5 della popolazione sarà pronta ad installarla. Un recente studio dell’Università di Oxford prevede che un assorbimento dal 10% al 20% è sufficiente per avere un effetto positivo sulla limitazione della diffusione del virus.

L’adozione della nuova API di Google e Apple garantisce che l’esperienza utente per l’app sia la migliore possibile. Non vi è la necessità di restrizioni complesse al fine di mantenere un uso continuo del Bluetooth. Gli sviluppatori ritengono che il ricorso a questo standard garantirà l’adozione diffusa e anche la compatibilità nel tempo con le app di tracciamento dei contatti in tutto il mondo, dato che dovrebbero adottare lo stesso framework di notifica dell’esposizione nel tempo.

L’app ”Apturi Covid ” è sviluppata da rappresentanti del settore ICT lettone e della scienza, tra cui il più grande operatore mobile del paese LMT, le società di sviluppo software MAK IT, Autentica e Zippy Vision. Presenti anche alla collaborazione il servizio di test del software TestDevLab, esperti dell’Università della Lettonia e il rappresentante della comunità startup Andris K. Berzins. Coinvolte anche diverse istituzioni statali: il Presidente e la Cancelleria del Presidente, il Center for Disease Prevention and Control (SPKC), NATO StratCom, nonché operatori sanitari ed epidemiologi.


Condividi la tua reazione

Confusione Confusione
8
Confusione
Felicità Felicità
6
Felicità
Amore Amore
3
Amore
Tristezza Tristezza
8
Tristezza
Wow Wow
6
Wow
WTF WTF
10
WTF
Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link