fbpx
News

Applicazione contraccettiva: incinte 37 donne in Svezia, scatta la denuncia

Un'applicazione contraccettiva come sostituto dei tradizionali metodi. L'idea si sviluppa in Svezia, ma non funziona: ben 37 donne rimangono incinte dopo averla utilizzata.

L'applicazione contraccettiva è stata riconosciuta come dispositivo medico

Il bizzarro caso arriva direttamente dalla Svezia. Ogni giorno, milioni di donne cercano metodi contraccettivi alternativi al preservativo o al carico di ormoni. Il primo riduce il piacere. Il secondo invece altera in modo più o meno compromettente l'equilibrio psico-fisico di chi lo utilizza.

Fra le varie possibilità per evitare gravidanze indesiderate, ultimamente è spuntata un'applicazione che pare prometta miracoli. Natural Cycles sembra sia in grado di combinare i dati relativi alla temperatura basale a quelli riguardanti i giorni del ciclo mestruale. Tramite una serie di calcoli le utenti pare possano sapere in ogni momento il loro stato di fertilità.

L'interpretazione dei risultati dovrebbe essere particolarmente semplice perché basata sul meccanismo dei semafori. Luce rossa massimo rischio, luce verde – al contrario – tranquillità assoluta.

L'applicazione non è gratuita, costa 9 euro al mese oppure 65 euro all'anno con annesso il termometro necessario a misurare la temperatura.

Un'idea geniale insomma, anche se non sembra sia funzionante al 100%. Infatti, pare che 37 donne – in Svezia – siano rimaste incinte dopo aver utilizzato il metodo contraccettivo naturale.

Un numero che per gli svedesi sembra si troppo elevato. Infatti, l'ospedale di Stoccolma ha sporto denuncia all'Agenzia nazionale per la sicurezza dei farmaci. Questo anche perché Natural Cycles è stato riconosciuto come dispositivo medico.

In realtà l'app ha oltre 500.000 utenti attive. Un fallimento su 37 donne potrebbe non costituire un campione sufficiente a decretare l'inaffidabilità di Natural Cycles e del suo algoritmo. Se nei prossimi giorni verranno denunciati altri casi analoghi, allora la questione potrebbe avere più senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button