fbpx
AttualitàCultura

Roma, attacco hacker all’ospedale San Giovanni

L’allarme è scattato alla mezzanotte tra domenica 12 e lunedì 13 settembre

Sembra che nel nostro Paese stia attecchendo una triste moda: quella dei cyberattacchi.

Dopo la clamorosa offensiva informatica contro la Regione Lazio e quella (certamente più contenuta) all’Agenzia Regionale della Sanità toscana, quanto è accaduto nelle scorse ore coinvolge ancora il Lazio e nuovamente l’ambito sanitario. Perché nella notte tra domenica 12 e lunedì 13 settembre è stato sferrato un attacco hacker all’ospedale San Giovanni di Roma.

Il sistema informatico dell’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata, una delle più grandi d’Italia, è andato in tilt. E i suoi dipendenti hanno dovuto comunicare via WhatsApp. Parliamo di una struttura che nel 2019 ha visto più di 60.000 accessi al pronto soccorso.

La polizia postale sta già indagando sul presunto crimine informatico che ha coinvolto migliaia di esami prenotati. E che, proprio come quello ai danni della Regione Lazio, sarebbe iniziato alla mezzanotte (in questo caso tra domenica 12 e lunedì 13 settembre).

Vediamo cosa finora è emerso di questo attacco, il terzo in Italia in poco più di un mese.

attacco hacker

L’attacco hacker all’ospedale San Giovanni

Intorno alla mezzanotte tra domenica 12 e lunedì 13 settembre, il sistema di telecomunicazione dell’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata è stato hackerato. Colpiti anche i presidi collegati, il S. Maria e il Britannico. Rete Internet e telefoni sono andati fuori uso, e mentre stiamo redigendo l’articolo (nella mattina di martedì 14 settembre) il sito Internet dell’ospedale non è ancora agibile.

L’orario dell’attacco è del tutto simile a quello che tra il 31 luglio e il 1 agosto ha messo in ginocchio la Regione Lazio. Ed è notevole il fatto che adesso sia stato preso di mira un ospedale di grandi dimensioni, che ospita al suo interno anche malati gravi.

Anche la tipologia di attacco sembra non discostarsi da quella adottata contro la Regione.

Un altro attacco ransomware

Dalla stessa azienda ospedaliera hanno fatto sapere che c’è un altro punto di contatto tra l’attacco hacker all’ospedale San Giovanni e quello alla Regione Lazio. In entrambi i casi l’offensiva è stati infatti condotta attraverso un ransomware.

“Sono in corso da questa mattina accertamenti tecnici a seguito di un attacco informatico di tipo ransomware. I tecnici della sicurezza informatica sono al lavoro, è subito intervenuta la polizia postale e sono state fatte le dovute segnalazioni a tutte le autorità nazionali competenti.

Sono proseguite le attività di ricovero,  ambulatoriali, assistenza e emergenza del pronto soccorso. Le prestazioni di emodinamica, radiologia interventistica e l’attività operatoria si sono svolte regolarmente. Stiamo lavorando alacremente per ripristinare tutte le funzioni nel più breve tempo possibile, garantendo la continuità dell’assistenza ospedaliera”.

Cos’è un ransomware

Ricordiamo che un ransomware è un malware (un software cosiddetto malevolo) che blocca un sistema crittografandone i dati. Chi lo introduce in un sistema può non solo prenderne il controllo tramite un file, ma anche chiedere un riscatto (ransom) per restituirne il comando ai proprietari, che potranno decrittare i file.

attacco hacker

I danni provocati dall’attacco

L’attacco hacker all’ospedale San Giovanni ha causato grossi problemi. A dirlo è sempre il personale dell’istituto.

“È impossibile vedere le cartelle cliniche, refertare, chiedere esami di laboratorio, persino sapere con certezza quanti pazienti si trovano in pronto soccorso.

Stiamo trascrivendo tutto a mano su fogli di carta, esami ematici, richieste di trasfusioni o di camera operatoria, siamo in un mare di guai”.

Le comunicazioni avvengono sui telefoni privati, tramite WhatsApp.

“Non è nemmeno disponibile, ovviamente, la modulistica per prescrivere le terapie, anche quella si fa online. Questo ci dimostra quanto siamo indifesi rispetto a tutto ciò che sono i pericoli informatici”.

Offerta

L’intervento della polizia postale

Il disagio per i degenti è stato notevole, e alcuni pazienti con visite o esami non urgenti sono stati rimandati a casa.

Nel frattempo la polizia postale ha già iniziato a indagare su come gli hacker possano avere preso il possesso dei sistemi informatici dell’ospedale romano: parliamo di 300 server e 1.500 computer.

La polizia ha il compito di scoprire la cronologia dell’attacco, e di capire quali eventuali precedenti avrebbero potuto spianare la strada ai criminali informatici.

Il nosocomio di via dell’Amba Aradam ha intanto fatto sapere che le urgenze continueranno a essere gestite.

Fonti interne all’ospedale hanno dichiarato che alle 8 della mattina di martedì 14 settembre, i tecnici informatici dell’azienda sarebbero quanto meno riusciti a stampare i fogli con le terapie delle persone ricoverate, e consegnarli ai medici che hanno preso servizio.

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button