fbpx
Aznom Palladium

Perché Aznom ha scelto di chiamare Palladium la sua hyper limousine?
Perché Aznom ha deciso di chiamare il suo primo veicolo proprio Palladium? Cosa significa davvero?


Facciamo un test. Chiudete gli occhi ed immaginate una limousine di lusso, dotata di tutti gli accessori che la vostra mente può immaginare per assicurare il comfort dei passeggeri. Ora riapriteli e sappiate che la macchina che avete immaginato esiste già. È l’Aznom Palladium, un’automobile progettata per combinare alla perfezione la versatilità di un SUV e l’eleganza estrema di una limousine. Ma, al di là delle specifiche tecniche, perché la Aznom ha deciso di chiamare Palladium il suo primo veicolo? Per quanto possa sembrarvi insolito, il nome rivela a suo modo il concept design dell’automobile.

Aznom Palladium: perché si chiama così?

La scelta del nome Palladium per Aznom è tutt’altro che casuale. In questo caso, il termine si presta ad una duplice lettura. Da un lato è possibile riconoscere un riferimento chiaro al palladio, un minerale prezioso molto usato in gioielleria, che possiamo ritrovare nell’orologio estraibile presente all’interno dell’automobile. Dall’altro, invece, il nome sembrerebbe rimandare al celebre architetto Andrea Di Pietro Della Gondola, più comunemente conosciuto come Andrea Palladio, protagonista alquanto indiscusso della scena artistica rinascimentale.

 In particolare, si deve a questo artista la progettazione di alcune meravigliose ville in Veneto, che si contraddistinguono per una forte ispirazione al mondo classico e per un incredibile equilibrio dei volumi. Due caratteristiche che è piuttosto facile ritrovare nella progettazione della bella Aznom Palladium. Un nome importante, quindi, che rivela dettagli precisi sul design della nota hyper limousine. E per rendere nota al pubblico la genesi del nome, oltre che quella dell’intero progetto, l’azienda ha condiviso sui suoi social un video che accompagna gli utenti alla scoperta di questa meraviglia. D’altronde, sappiamo bene che la fama di questa limousine tutta Made in Italy ha fatto oramai il giro del mondo. Ma scoprire qualche dettaglio in più sulla sua produzione si rivela sempre entusiasmante.


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link