fbpx
AttualitàCulturaNews

Un canale Telegram per aiutare le famiglie a ritrovare i soldati russi

La Russia ha invaso l’Ucraina e, automaticamente, i russi sono diventati i cattivi.
È una generalizzazione errata.
Non è tutta la Russia ad aver deciso di ledere la sovranità del popolo ucraino, è il suo governo.
Tenere a mente questa distinzione ci permette di non perdere di vista il lato umano di questa guerra che sì, è fatta di ucraini in fuga, di rifugiati, di città messe a ferro e fuoco ma anche di soldati russi allontani dalle loro famiglie, catturati o morti in battaglia.

A ricordarsi questo terribile aspetto della guerra è prima di tutto l’Ucraina. Ecco perché il governo locale ha dato vita ad un sito web, Look for Yours, e ad un canale Telegram che al momento conta più di 650mila iscritti. Lo scopo è fornire informazioni sui soldati russi catturati e uccisi in Ucraina. Un modo per aiutare le famiglie a conoscere il destino dei propri cari ma anche per mostrare loro la realtà dei fatti: l’avanzata russa lascia dietro di sé una scia di morti anche tra le fila degli invasori.

Un sito web e un canale Telegram per ritrovare i soldati russi

Vi avvertiamo subito: qui trovate il canale Telegram creato dal governo ucraino ma, prima di aprirlo, è giusto che sappiate che le foto e i video presenti al suo interno mostrano anche i corpi di coloro che hanno perso la vita.
Ci è sembrato un doveroso avvertimento vista la crudezza delle immagini.

Accanto a queste foto e questi video però ci sono anche i filmati dei russi catturati che lanciano messaggi alle loro famiglie e le foto dei passaporti e degli averi di coloro che sono deceduti. Si aggiungono, come anticipato, le foto dei cadaveri di coloro che non potevano essere identificati in nessun altro modo.

Sul sito web invece al momento si trovano solo i video dei prigionieri, insieme ad un messaggio da parte del governo di Kiev:
Questo sito è stato creato dai rappresentanti del Ministero degli Affari Interni dell’Ucraina. Qui troverai informazioni sui soldati russi catturati e uccisi in Ucraina dall’inizio dell’occupazione. Qui pubblicheremo tempestivamente foto e video che riceveremo dal campo di battaglia.
Se i tuoi parenti o amici sono in Ucraina e partecipano alla guerra contro il nostro popolo, qui puoi ottenere informazioni sul loro destino.
Sfortunatamente, è difficile identificare molte delle persone uccise. Pubblichiamo deliberatamente queste foto e questi video, potresti riconoscere qualcuno da segni indiretti.
Le informazioni vengono aggiornate costantemente.

Il Ministero della Difesa ha inoltre creato una helpline telefonica che permette di ottenere informazioni sui soldati russi e che pare essere già stata presa d’assalto.

immagine

In un post su Facebook Anton Herashchenko, funzionario del Ministero degli Affari Interni, ha spiegato che tutto questo è stato fatto per aiutare i russi nelle loro ricerche, tanto di informazioni sui loro cari quanto della verità sulla guerra.

Una helpline è stata creata anche in Russia dal Comitato delle Madri dei Soldati, una ONG che difende i diritti dei militari e che negli ultimi giorni sta ricevendo centinaia di chiamate da parte di genitori disperati.

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🎮 Xbox Games Showcase 2024: tantissimi annunci, tra grandi ritorni e novità
💻A Taiwan per toccare con mano i nuovi AI PC di ASUSEd è solo l’inizio
💬Google lancia l’app Gemini in Italia: ecco come provare l’AI su Android e iOS
🧩La strategia di Jansen Huang, il CEO-rockstar: mi ha offerto da bere e chiesto del turismo in Italia
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

 

Autore

  • Erika Gherardi

    Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button