fbpx
nuovo brevetto algoritmo canzoni Spotify

Spotify potrebbe suggerire nuove canzoni in base al suono della voce
Spotify avrebbe ottenuto un brevetto per poter suggerire nuove canzoni in base al suono della voce dell'utente, per capirne sesso, età e umore


Il potente algoritmo di Spotify rende la ricerca della musica e i suggerimenti di nuove canzoni un gioco da ragazzi. E se potesse consigliare nuovi brani in base a com’è la tua voce?

Spotify suggerirà nuove canzoni in base al suono della vostra voce?

L’idea è stata proposta in un brevetto che è stato recentemente concesso a Spotify, che delinea i potenziali usi di questo tipo di tecnologia. Il brevetto descrive in dettaglio un concept per l’utilizzo dei segnali audio – la voce, i suoni di sottofondo e persino l’accento degli utenti – per scoprire i brani più adatti. In questo modo il servizio di streaming saprebbe cosa riprodurre in base allo “stato emotivo di chi parla”, oppure tentare di determinare il sesso e l’età in base alla voce.

Gli autori del brevetto descrivono che potrebbe essere utilizzato per identificare dove si trova un utente – dentro, fuori, sul treno, a una festa ecc. – e potenzialmente con quante persone sta condividendo la musica.

Spotify

La cosa a primo impatto sembra molto inquietante, ma tecnologie simili esistono già da anni ormai, basti pensare a come gli assistenti vocali riconoscano la persona che sta parlando. Tuttavia, è una svolta interessante per un servizio che compete direttamente con i big della raccolta dati, come Apple e Amazon. Che hanno entrambi i rispettivi servizi di streaming musicale, Apple Music e Amazon Music.

C’è da tenere presente che solo perché il brevetto (segnalato da Pitchfork) per una tecnologia esiste non significa necessariamente che verrà mai ufficialmente implementato. Ma sicuramente è l’ennesimo modo per Spotify di perfezionare il suo algoritmo e tenere incollata più gente possibile al suo servizio.

Offerta
Apple AirPods con custodia di ricarica wireless (seconda...
  • Taglia unica, comodi da indossare tutto ilgiorno
  • La custodia si ricarica sia in wireless, usando una base compatibile con lo standard qi, sia tramite connettore...
  • Si accendono automaticamente esicollegano all’istante

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.