fbpx
Crosscall Core T4 recensione

La recensione di Crosscall Core-T4, il tablet rugged a prova di caduta
Dopo aver portato sul mercato una serie di smartphone dedicato all'outdoor, l'azienda francese prova ad entrare nel mondo dei tablet. Ci sarà riuscita?


Crosscall Core-T4 recensione

Siamo abituati a tablet nati per farci compagnia a casa, in ufficio o tra i banchi di scuola ma in realtà esiste un’altra categoria di dispositivi, quelli rugged. Si tratta di prodotti pensati per resistere agli ambienti più ostili, che siano cantieri, fabbriche e posti all’aperto dove il rischio di cadute, immersioni accidentali e infiltrazione di polvere è piuttosto alto. Crosscall Core-T4 appartiene a questa tipologia di device ed è il primo tablet realizzato dall’azienda francese. Ma come se la cava? Ne parliamo in questa recensione.

Non per tutti

Crosscall Core T4 recensione tablet ruggedLa vocazione di Core-T4 è evidente fin da subito: forme generose, peso importante (610 grammi), rinforzi su ogni lato e chiusure ermetiche per i due ingressi presenti, quello superiore dedicato al jack da 3,5 mm e quello inferiore pensato per il cavo di ricarica USB-C. Dimenticate quindi i tablet eleganti e sottili usciti recentemente: quello di Crosscall è decisamente diverso ma in cambio vi garantisce la resistenza a cadute da 1,5 m, l’impermeabilità totale alla polvere e ai liquidi per immersioni di fino a 2 metri per 30 minuti. Abbiamo poi la certificazione militare MIL STD 810G. Ma cosa significa? Oltre a quanto già indicate, Core-T4 sopporto ghiaccio, umidità, urti, vibrazioni, temperature dai -20° ai 55°C, la bassa pressione, shock termici, ruggine, muffe e ambienti salmastri. Tutti elementi che lo rendono adatto a diversi tipi di utenti ma di questo parleremo più avanti.

Crosscall Core T4 recensione displaySulla parte frontale abbiamo un display da 8 pollici che però non ci ha convinto totalmente. Vi spieghiamo perché. Lo schermo è un IPS con risoluzione 1280×800 e di base si comporta piuttosto bene: è luminoso, la resa dei colori è soddisfacente ed è presente il Display Ambient.
Le cornici che lo circondano però sono davvero molto ampie. Certo, probabilmente è tutto studiato per garantire la massima resistenza possibili ma, di contro, ci troviamo tra le mani un dispositivo molto abbondante pur non avendo un display altrettanto ampio.
Un altro aspetto da considerare è la risoluzione. Sia chiaro: si vede bene ma avremmo preferito almeno un FullHD considerando il costo importante, ossia 529,90 euro.

Completano la dotazione frontale lo speaker, che offre un volume decisamente alto considerando le ridottissime dimensioni, e la fotocamera frontale da 5 megapixel.

Sui lati invece troviamo a sinistra il bilanciere del volume, il tasto di accensione e spegnimento ed un pulsante aggiuntivo che potete personalizzare scegliendo 4 possibili funzioni: fotocamera, X-Safe (per lanciare una chiamata di emergenza), Torcia o l’apertura di qualsiasi app installata. Potrete inoltre decidere se optare per la pressione prolungata o 3 brevi pressioni.
A sinistra abbiamo infine lo slot per le Nano SIM e un secondo tasto aggiuntivo, sempre personalizzabile.

Sul retro infine troviamo la fotocamera posteriore da 13 megapixel con Flash LED e il connettore X-Link, un fissaggio magnetico proprietario che consente di agganciare facilmente eventuali accessori, acquistabili separatamente.

Crosscall Core-T4 recensione: l’apparenza inganna

Crosscall Core T4 recensione prestazioniSotto la scocca abbiamo il processore Qualcomm Snapdragon 450, 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, espandibili tramite microSD fino a 512 GB. L’hardware quindi è da medio di gamma, nuovamente in contrasto con il prezzo del tablet. Poco male però: alla fine non avrete problemi a svolgere ogni genere di attività, che sia qualche ora con i videogiochi, la normale navigazione internet o la visione di contenuti multimediali.

Sul fronte connettività abbiamo ben due SIM, il WiFi dual band, il Bluetooth 4.2, l’NFC e il GPS. Insomma, c’è davvero tutto quello di cui potete aver bisogno. Molto meno soddisfacente invece il comportato fotografico. Il sensore frontale, da 5 megapixel, è davvero deludente, mentre la fotocamera posteriore riesce a cavarsela discretamente solo in condizioni di buona luminosità. Come accade sulla maggior parte dei tablet dovete considerare il comporto fotografico una sorta di funzionalità da usare in caso di emergenza, quando non avete lo smartphone a portata di mano o quando venite sorpresi da qualche videochiamata mentre siete sul campo.

Crosscall Core T4 recensione fotocameraAd alimentarlo invece troviamo una batteria da ben 7000 mAh che garantisce decine di ore di utilizzo. Con un uso medio infatti durerà 3/4 giorni senza difficoltà, mentre si scende a circa una giornata se decidete di usare intensamente il suo GPS per la navigazione, per strada o a piedi per attività outdoor.

Ad essere un po’ deludente è il software. Crosscall infatti ha deciso di optare per Android 9 con le patch di sicurezza al momento aggiornate a febbraio 2020. Ci saremmo aspettatati Android 10 o forse un po’ più di tempestività nel rilascio degli update di sicurezza. Per quanto riguarda l’interfaccia invece è praticamente stock, fatta eccezione per il menù dedicato ai pulsanti aggiuntivi e per la Modalità Guanti, che aumenta la sensibilità tattile dello schermo per consentirvi di usarlo senza togliere i guanti.

Crosscall Core-T4 Touch Pad Tablet 8 pollici, 32 GB,...
  • Impermeable e resistente, Zero Touch e AER
  • Grande autonomia - Batteria 7000 mAh / in conversazione : 50h42 / in standby (4G) : 756h / in GPS : 18h24
  • Fotocamera frontale : 5 MP / Sensore : 13 MP

I sensori di Crosscall Core-T4

Le applicazioni preinstallate su Core-T4 sono davvero poche.  Tra queste abbiamo X4 Sensors, ossia l’applicazione che vi permette di accedere direttamente a sensori ed informazioni che normalmente non usiamo o visualizziamo. 

Quali? Procediamo con ordine.

Prima di tutto abbiamo la bussola, che usa il magnetometro 3D per indicare l’angolo del telefono relativo al polo magnetico, e l’accelerometro, che mostra appunto l’accelerazione del dispositivo sui 3 assi. Il GPS invece vostra latitudine, longitudine e altitudine, mentre il sensore di luce rileva la luminosità ambientale. Ci sono anche i dati relativi alla connettività Bluetooth, al segnale WiFi e alla rete dati; infine c’è il tab Batteria che mostra la corrente di scarica, ossia l’energia fornita dalla batteria in quello specifico momento. 

È evidente che tutte queste informazioni non siano particolarmente utili per un utilizzo casalingo ma non è per questo che nasce Crosscall Core-T4. Escursionisti, piloti oppure operai specializzati appartenenti ad una marea di settori diversi potrebbero beneficiare di questi dati.

Il che ci porta alla domanda finale: per chi è pensato questo tablet?

    Crosscall Core-T4 recensione: a chi è adatto?

    Il primo tablet di Crosscall è un prodotto di nicchia, nato per chi lavora nel mondo della logistica, dell’edilizia, dell’aeronautica o in qualunque altro ambiente che richieda resistenza, impermeabilità e la capacità di sopportare temperature molto basse o molto alte. Di base è adatto ad ogni genere di attività ma è chiaro che ci sono ancora margini di miglioramento, soprattutto considerando il prezzo impegnativo: per 529,90 euro ci saremmo aspettati qualcosa di più in termini di hardware e software. 

    Crosscall Core-T4

    Pro Pros Icon
    • Resistente a tutto
    • Buon display
    • Ottima autonomia
    • Sensori di ogni genere
    • Modalità Guanti
    Contro Cons Icon
    • Dimensioni abbondanti
    • Hardware da medio di gamma
    • Software poco aggiornato

    Erika Gherardi

    Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.