fbpx
NewsTech

Mosca chiede di sbloccare il canale YouTube di Duma TV

Il colosso tecnologico messo alle strette dai funzionari russi

In queste ultime ore non si parla d’altro che della decisione di Google di bloccare Duma TV, il canale YouTube della camera bassa del Parlamento Russo. Il motivo? Una chiara “violazione dei Termini di servizio di YouTube“. Ora però, a quanto pare, l’ente regolatore dei media Roskomnadzor ha chiesto al colosso tecnologico di sbloccare definitivamente il canale. Una richiesta alquanto azzardata, che non sappiamo ancora come sarà accolta da Google.

Duma TV: Mosca chiede il ripristino del canale YouTube

Roskomnadzor ha chiesto alla Google LLC, con sede negli Stati Uniti, proprietaria del servizio YouTube, di ripristinare immediatamente l’accesso al canale YouTube ‘Duma TV’ della Duma russa e di spiegare il motivo di tali restrizioni“. Così si legge in un comunicato stampa che annuncia la richiesta del governo russo. A quanto pare, infatti, la decisione di bloccare il canale non è stata apprezzata particolarmente dai funzionari del Cremlino. Non stupisce, quindi, che Roskomnadzor abbia chiesto il ripristino di Duma TV a Google.

Con l’occasione, il governo russo ha accusato il colosso di aderire a “una pronunciata posizione anti-russa nella guerra dell’informazione scatenata dall’Occidente” contro lo Stato. A quanto pare, un portavoce della compagnia avrebbe risposto dichiarando che “Google si impegna a rispettare tutte le sanzioni applicabili e le leggi sulla conformità commerciale. Se scopriamo che un account viola i nostri Termini di servizio, adottiamo le misure appropriate“. E ha poi aggiunto che il colosso tecnologico sta “monitorando attentamente la situazione” per proporre degli aggiornamenti al riguardo. Cosa succederà a Duma TV? Lo scopriremo a breve.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button