fbpx
News

Privacy su Facebook, colpiti i post di 14 milioni di utenti

Come riportato qualche ora fa dalla CNN, un nuovo bug si è abbattuto su Facebook danneggiando gli utenti del popolare social network. Questa volta si parla delle impostazioni della privacy legate ai post, che a causa dell'errore in questione sarebbe passata da "Privata" a "Pubblico", svelando i contenuti di circa 14 milioni di utenti.

Facebook vs. Privacy, l'incubo continua

privacy facebook

Come dichiarato dalla stessa società lo scorso giovedì, per un periodo di quattro giorni – dal 18 al 22 maggio – i post su Facebook di 14 milioni di utenti sono risultati pubblici, e dunque visibili a tutti, nonostante la loro privacy fosse impostata su "Privata". In seguito alla spiacevole scoperta, la compagnia ha modificato le restrizioni di quegli stessi post, reimpostando le impostazioni scelte in origine dagli stessi utenti.

La compagnia guidata da Mark Zuckerberg avrebbe impiegato ben cinque giorni per sistemare i problemi causati dal suddetto bug, come comunicato alla CNN.

Gli utenti che sono stati colpiti dal più recente bug di Facebook hanno ricevuto/riceveranno una notifica sull'app o sul sito del social. Il messaggio allerterà gli utenti con la frase "Please Review Your Posts", invitandoli a cliccare sul link che li rimanderà ad una lista dei post condivisi su Facebook nel periodo in cui il bug era attivo (18-22 maggio).

Erin Egan, Chief Privacy Officer di Facebook, ha dichiarato quanto segue:

"Abbiamo recentemente scovato un bug che suggeriva automaticamente le setting di pubblicazione mentre alcune persone stavano creando i propri post su Facebook. Abbiamo risolto questo problema e a partire da oggi (giovedì) allerteremo gli utenti affetti e gli chiederemo di controllare i post che hanno pubblicato in quel periodo.

Per essere chiari, questo bug non riguarda i contenuti pubblicati in precedenza dagli utenti – e questi possono ancora scegliere il tipo di pubblico come hanno sempre fatto".

Un portavoce di Facebook ha inoltre affermato che la notifica ricevuta dai suddetti utenti rappresenta l'inaugurazione di un nuovo cammino per la compagnia per quanto concerne la gestione dei problemi legati al social network: "iniziativa e transparenza".

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button