fbpx
Attualità

FIFA+ sarà la piattaforma che rivoluzionerà il mercato del calcio mondiale?

I "possibili scenari" di un prodotto che dovrà avere una vision avanzata

FIFA+, la piattaforma gratuita lanciata qualche giorno fa dalla FIFA, potrebbe essere una rivoluzione nel mondo del calcio, ma anche un discreto buco nell’acqua. E’ certamente qualcosa di inedito a livello sportivo, ma come potrebbe funzionare nell’inserirsi nelle logiche del mercato mondiale pallonaro?

FIFA+ sarà la piattaforma che rivoluzionerà il mercato del calcio mondiale?

Fornire in streaming gratuitamente “l’equivalente di 40.000 partite live all’anno di 100 Federazioni calcistiche da tutte e sei le confederazioni, incluse 11.000 partite di calcio femminile”, è certamente un buon inizio, oltre al fatto che vi saranno molti contenuti aggiuntivi, relativi a documentari e serie, dei feed con notizie aggiornate, giochi d’interazione e altro, ma il mondo del calcio, quello che fa fare ascolti costanti, funziona alla fine, inutile girarci intorno, con pochi veri core business: i principali 5 campionati nazionali per club d’Europa (Premier League, Liga, Bundesliga, Serie A e Ligue 1), la Champions League, e tutto quello che riguarda i tornei domestici del Sudamerica e la Coppa Libertadores, senza dimenticare la forte ascesa delle competizioni relative al calcio femminile.

E’ ipotizzabile pensare che FIFA+ si sostituisca a Sky Sport o a DAZN, per fare un esempio nostrano, o a qualsiasi altro broadcaster europeo nel calcio di club? La scenario attualmente è difficilmente disegnabile, almeno nel breve periodo (inteso fino al 2026 compreso), anche se la FIFA ha certamente i mezzi economici e tecnici per farlo.

Un po’ più aperto potrebbe essere il discorso relativo alle competizioni per le nazionali, come fatto capire dal numero uno della FIFA stessa, ossia Gianni Infantino. L’obiettivo è quello di arrivare pronti ai Mondiali di Qatar 2022, con un archivio storico e tanti prodotti che possano essere, al netto delle partite della competizione iridata, il supporto che i fans cercano.

Elementi però ancora non centrali in una vision che se vuole puntare a far diventare FIFA+ “La Netflix del calcio” deve lavorare si sui contorni ma anche sui piatti forti.

Vedere, ad esempio, in esclusiva in tutta Europa due quarti di finale del Mondiale 2026 in diretta streaming su FIFA+ costituirebbe un elemento di accelerazione della piattaforma? La risposta è semplice: si. Certo, bisognerebbe rinunciare a una fetta di soldi dei broadcaster per investire internamente sul prodotto, ma se FIFA+ vuole espandersi e avere una continuità pluriennale, entrando a far parte dei broadcaster del calcio globale, questa potrebbe essere una delle strade.

Il primo check point sarà quindi fissato alla fine dell’anno, ma sarà solo dopo i Mondiali di Qatar 2022 che bisognerà capire che strada intraprenderà l’iniziativa. FIFA+ diventerà “un oggetto indispensabile” per gli appassionati di calcio o rimarrà in una dimensione da “elemento accessorio”? La risposta potrebbe arrivare molto presto.

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🎮Il video del monaco buddista che gioca a Super Mario (e prega per ogni nemico ucciso)
 
💍A cosa serve un anello smart? | La prova di RingConn Smart Ring
 
💬noplace è l’applicazione più scaricata su App Store: scopriamo di cosa si tratta
 
Chi ha detto che il fotovoltaico deve essere complicato?
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button