CulturaNews

Il Fujifilm X-Vision Tour fa tappa a Bologna presso la Fondazione MUST

Vi attendono mostre, seminari, workshop, incontri tecnici e Touch&Try di prodotto.

Il 6 ottobre, Fujifilm X-Vision Tour fa tappa a Bologna, precisamente presso la Fondazione MUST. Si tratta di un roadshow che gira il Bel Paese insieme a importanti professionisti del settore per coinvolgere il pubblico per riflessioni sul mondo dell’immagine e per approfondimenti su tecniche e nuove tendenze, stili e linguaggi.

Numerose attività e ospiti

Grazie al supporto tecnico di Apromastore e Artemide, Fujifilm X-Vision Tour è un evento totalmente gratuito e presenta un ricco programma: in particolare sarà possibile partecipare a seminari, incontri incentrati sul linguaggio visivo attraverso i racconti di importanti fotografi. Ci saranno dei workshop in cui sarà possibile mettersi alla prova su set fotografici e sperimentare luci e attrezzature e anche incontri tecnici di prodotto, relativi alla gestione del workflow fotografico e video.

La tappa bolognese si apre con il seminario “Racconti di un fotografo visionario” di Francesco Comello, vincitore del WWP nel 2017. Sul palco poi salirà Marianna Santoni, tra i massimi esperti di digital imaging in Italia e nel mondo, con una lezione di fotografia in sala posa dal titolo “Il workflow fotografico professionale con Fujifilm GFX 50S”.

Fujifilm X-Vision Tech Princess

A seguire, Giorgio Cravero, fotografo di still life di fama internazionale, terrà un incontro dal titolo “Beverage Still Life: un metodo.” Si proseguirà poi con il seminario dal titolo “Visioni dentro e fuori il set” di Fabio Lovino, fotografo di scena e moda, che porterà i partecipanti alla scoperta del mondo della fotografia di scena all’interno di teatri, live tour rock, produzioni.

Inoltre, per scoprire i trucchi del mestiere, l’X-Photographer Marco Tortato, gestirà i workshop “Creatività con i Flash nel Ritratto da Studio” e Illuminazione nella Food Photography”Saranno poi allestite tre postazioni tecniche: una per la Serie X, una per il video con la nuova X-T3, X-H1 e le ottiche cinema MKX e l’ultima per il sistema medio formato GFX. In ognuna di queste aree si potrà incontrare lo staff tecnico Fujifilm che sarà a disposizione per illustrare le peculiarità dei diversi sistemi e dare consigli sulle migliori modalità di utilizzo.

I tre progetti autoriali in mostra

A completare l’offerta culturale, saranno presenti tre progetti.

  • Maiora Premunt”, un progetto personale del fotografo Matteo Bastianelli, realizzato lungo l’Appennino centrale, che documenta l’alterazione della vita sociale e del concetto di “comunità” nel dopo sisma dei borghi medievali italiani.
  • Portrait Insight” di Stefano Guindani. Lo sguardo e la creatività di uno dei fotografi più eclettici e apprezzati del panorama italiano ed internazionale.
  • Cent’anni dopo. Ricordi di guerra, sguardi di pace” progetto corale, in collaborazione con Trentino Marketing, che ha coinvolto i fotografi Giulia Bianchi, Luciano Gaudenzio, Daniele Lira, Pierluigi Orler, ed il videomaker Gianluca Colla. Si tratta di una mostra articolata ed eterogenea su uno degli avvenimenti più tragici del nostro passato che ne ripercorre la storia.

Tags

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker