fbpx
Giochi MobileVideogiochi

L’iniziativa di gamigo per raccogliere fondi da destinare in Ucraina

Il celebre publisher di videogame mobile gamigo ha avviato una raccolta fondi per la popolazione ucraina colpita dalla guerra.

Gamigo Group a sostegno dell’Ucraina

Il publisher gamigo ha annunciato la possibilità di contribuire alla raccolta fondi a supporto di bambini e famiglie ucraine. I giocatori possono donare acquistando oggetti in-game dai vari titoli targati gamigo. Tutti i proventi delle vendite saranno devoluti a sostegno di coloro che più sono stati colpiti dalla guerra in atto. Di seguito la dichiarazione ufficiale della società:

“Siamo vicini al popolo ucraino, ai bambini e alle loro famiglie che sono i primi a subire le conseguenze di questo conflitto. Sappiamo quanto sia vasta la nostra community, e abbiamo quindi aperto a loro l’opportunità di supportare le vittime di questa guerra. Abbiamo messo a disposizione degli esclusivi oggetti in-game, che i giocatori potranno acquistare attraverso una donazione. Tutto il ricavato sarà devoluto a un ente di beneficenza a supporto della popolazione ucraina.” Il comunicato porta la firma di Jens Knauber, CEO del gruppo gamigo.

Di seguito i giochi gamigo attraverso i quali sarà possibile effettuare una donazione in cambio di speciali item in-game:

MEDION Gaming bundle P81016 MD88087
  • Tastiera di alta qualità con 26 pulsanti antighosting per comandi complessi. Retroilluminazione RGB Rainbow con 8...
  • Cuffie con driver dell'altoparlante da 40 mm e bassi potenti; Microfono integrato e controllo del volume;Illuminazione a...
  • grande tappetino per mouse con una robusta superficie in tessuto. Può essere arrotolato con una parte inferiore...

Marco Brunasso

Scrivere è la mia passione, la musica è la mia vita e Liam Gallagher il mio Dio. Per il resto ho 29 anni e sono un musicista, cantante e autore. Qui scrivo principalmente di musica e videogame, ma mi affascina tutto ciò che ha a che fare con la creazione di mondi paralleli. 🌋From Pompei with love.🧡

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button