!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
giochi online traffico dati

Quanta banda consumano i videogiochi?
Un analisi dei consumi di dati dei videogiochi più popolari di questo periodo


Gran parte dei video giochi di successo degli ultimi anni è rappresentata dai titoli competitivi online che offrono una modalità multiplayer che attrae milioni di giocatori. Da Fortnite a PlayerUnknown’s Battlegrounds (PUBG) passando per Sea of Thieves, Final Fantasy XIV, Dota 2, Overwatch e tanti altri. Le alternative per giocare online non mancano di certo, ma quanto traffico dati consuma un’ora di gioco online?

Quanti MB in un’ora consumano i giochi online?

Tutti i giochi online, in base alle sue caratteristiche, comporta un determinato consumo di traffico dati per ogni ora. Si tratta di un fattore importante da conoscere, soprattutto se si prevede di giocare utilizzando il proprio smartphone e senza avere a disposizione una connessione Wi-Fi.

Un’analisi di WhistleOut ha evidenziato il consumo medio per ora di gioco dei principali titoli con una modalità multiplayer online. Prendiamo per esempio Fortnite, il signore dei battel-royale, comporta un consumo di circa 100 MegaByte di traffico dati per un’ora di gioco. PUBG, invece, comporta un consumo di 40 MB all’ora mentre Dota 2 richiede, in media, 120 MB.

Scorrendo l’elenco dei titoli analizzati troviamo Counter-Strike: Global Offensive con ben 250 MB di traffico dati mentre Overwatch si ferma a 135 MB. Da notare, invece, che League of Legends consuma soltanto 45 MB mentre Monster Hunter: World si ferma a 30 MB. Molto più esigente, invece, Destiny 2 che comporta un consumo di ben 300 MB all’ora.

Tra i titoli che consumano pochi dati troviamo Hearthstone, che prevede un consumo di appena 3 MB all’ora, Minecraft, che ne consuma 40 MB, e Final Fantasy XIV che comporta una spesa di 20 MB di dati per un’intera ora di gioco. L’elenco completo dei titoli analizzati è disponibile nell’articolo di Whistle Out che trovate linkato in fonte.

Offerta
Minecraft - Nintendo Switch
  • Scatena la tua creatività e scopri gli mondi creati dai tuoi amici
  • È un gioco di costruzioni e di avventura
  • Condividi l'avventura con gli amici in modalità multiplayer a schermo diviso

E il download dei giochi?

A questi dati si devono aggiungere ovviamente la quantità di rete necessaria per scaricare effettivamente un videogioco sul vostro PC o sulla vostra console. Giochi sempre più tecnologicamente avanzati richiedono inevitabilmente una quantità di GigaByte sempre maggiore. Questo senza contare che la diffusione del download digitale sta lentamente prendendo il sopravvento rispetto al classico supporto fisico (il disco vero e proprio).

Molti dei titoli cosiddetti di Tripla A, ovvero quei videogiochi prodotti e distribuiti da un publisher di grandi dimensioni, superano infatti i 50GB di memoria quando si tratta di titoli per PC, Xbox One e PlayStation 4. Videogiochi come Assassin’s Creed Odyssey  e Forza Horizon 4infatti, necessitano rispettivamente di 49GB e 63GB di memoria mentre Red Dead Redemption 2 e Call of Duty: Warzone raggiungono gli 89GB e i 101GB di download.  Si tratta di cifra molto alte che rischierebbero di azzerare la vostra disponibilità di GB mensile, nel caso di una connessione a consumo, nel giro di poche ore.

In questo scenario si caratterizzano però i videogiochi sviluppati per Nintendo Switch o i titoli realizzati da software house indipendenti. Nel primo caso, la maggior parte di download richiede un massimo di 10GB. Nello scenario Indie, invece, i titoli più esigenti non arrivano a 5GB.

Lo scenario consumistico dei videogiochi è dunque vario e volubile, perciò tenete d’occhio la vostra banda di rete per evitare di restare offline troppo presto.


Davide Raia

                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link