!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Google Assistant donazioni

Google Assistant, ecco la nuova funzione per le donazioni benefiche
Nuova funzionalità per Google Assistant, che permette di fare donazioni benefiche in modo veloce e pratico


In questi giorni Google Assistant sta lanciando una nuova funzione per semplificare le donazioni ad organizzazioni umanitarie e no-profit. Questa opzione viene testata con il Center for Policing Equity, un’importante organizzazione a sostegno della trasparenza e responsabilità della polizia. La notizia è stata annunciata da Google lo scorso 28 Agosto, in occasione del 57esimo anniversario della marcia su Washington. Ed ha lasciato tutti davvero stupiti. Ma cerchiamo di capire come è possibile fare donazioni benefiche attraverso l’Assistente di Google.

Google Assistant a sostegno delle donazioni benefiche

A quanto pare, per il momento la funzione per le donazioni è accessibile soltanto da smartphone. Vi basterà rivolgervi al vostro Google Assistant pronunciando le parole “Ehi Google, fai una donazione a sostegno della giustizia razziale” oppure consultare l’apposita sezione all’interno del vostro Snapshot giornaliero. Seguendo la procedura, potrete così donare la somma che volete ad un ente benefico. Per il momento, Google ha dichiarato di non trattenere nulla sulla somma donata. Tutto il denaro sarà direttamente donato al Center for Policing Equity.

Anzi, il colosso tecnologico ha ammesso di voler ampliare questa funzione anche ad altre “organizzazione umanitarie e no-profit” nelle prossime settimane. Non ci è ancora chiaro quali saranno gli enti che potranno beneficiare delle donazioni, ma Google si è preso l’impegno di perseguire questa causa. Nonostante questo, il colosso tecnologico non sembra voler aggiungere altro denaro a quello che ha già beneficamente donato alla causa della giustizia razziale. Lo scorso Giugno, infatti, Google ha promesso di donare ben $ 175 milioni, così da supportare al meglio le organizzazioni del settore. La funzione di Google Assistant risulta però molto interessante. In pochi secondi ci offre la possibilità di fare una donazione senza andare a ricercare gli enti che supportano le causa che più ci stanno a cuore, ma semplicemente indicandocele in modo chiaro e diretto. Vale la provare.


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link