!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
video youtube

Google ha rimosso un numero record di video da YouTube negli ultimi mesi
Gli algoritmi di controllo di Google diventano più precisi


Google continua a migliorare i sistemi  di gestione e controllo dei video di YouTube. La piattaforma, da tempo, è al centro delle attenzioni di Google che punta ad evitare la diffusione di video che violano le linee guida del servizio. In particolare, l’obiettivo è bloccare la diffusione di fake news e video che incitano all’odio ed alla violenza. Un nuovo report della casa americana, conferma che i sistemi di controllo hanno eliminato un nuovo record di video da YouTube. 

Google ha rimosso 11 milioni di video da YouTube in tre mesi

Per tenere sotto controllo i tantissimi video che, di giorno in giorno, vengono pubblicati su YouTube è necessario sfruttare algoritmi avanzati e sistemi di controllo in grado di individuare, in modo automatizzato, i contenuti che violano le policy della piattaforma. Nel nuovo report diffuso in quest ore, Google ha confermato di aver rimosso oltre 11 milioni di video tra aprile e giugno.

Questo dato risulta sensibilmente maggiore rispetto a quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno. Nel secondo trimestre del 2019, infatti, i video rimossi da YouTube furono oltre 9 milioni. Per la piattaforma si è trattato di un periodo complesso. L’emergenza Covid, infatti, ha generato un incremento dei contenuti e, soprattutto, dei video che non rispettavano le regole di YouTube.

Sistemi automatizzati per tenere sotto controllo la piattaforma

Google deve ricorrere, con frequenza sempre maggiore, a sistemi automatizzati, con algoritmi specifici, per monitorare i video della piattaforma. La moderazione da parte dell’uomo è quasi impossibile. La quantità di video che, giornalmente, arrivano sulla piattaforma è troppo elevata. L’azienda americana sta, quindi, affinando sempre di più i suoi algoritmi per riconoscere ed eliminare in automatico i video non in linea con le regole.


Davide Raia

                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link