fbpx
Recensioni VideogiochiVideogiochi

Hokko Life: una nuova coloratissima vita vi aspetta

Videogiocatori, preparatevi. Un nuovo simulatore di vita sta per arrivare nel mercato con un’esplosione di colori, buffi personaggi e tante, tante cose da fare. Stiamo parlando di Hokko Life, il nuovo videogioco di Wonderscope AB e Team17 che ci permetterà di vestire i panni di un simpatico abitante ed esplorare le possibilità di una vita virtuale in un coloratissimo mondo abitato da simpatici animali umanoidi. Scopriamo tutte le caratteristiche di Hokko Life nella nostra recensione.

La recensione di Hokko Life

Hokko Life vede il nostro personaggio, che può essere creato e personalizzato all’inizio della partita, nel bel mezzo di un viaggio in treno per chissà quale destinazione. Addormentatosi nel vagone, il protagonista finisce in un pacifico villaggio dove viene accolto a braccia aperte dai suoi abitanti. Oma, il gestore della locanda e Moss, il proprietario del negozio cittadino, ci offriranno la possibilità di trasferirci nel villaggio. Da qui avrà inizio la nostra avventura fatta di interazioni sociali, creazione degli oggetti ed esplorazione.

Inizieremo la nostra nuova vita nel retro della locanda. Giorno dopo giorno avremo la possibilità di raccogliere oggetti, pesci e insetti e iniziare a guadagnare preziose monete per poter costruire la nostra casa personale. Ma la strada da fare è tanta come tante sono le possibilità e le cose da fare nel gioco.

La nostra nuova vita

Arrivati a questo punto della recensione è impossibile non fare un paragone con Animal Crossing, il simulatore di vita di Nintendo. Hokko Life è chiaramente ispirato ad Animal Crossing ma riesce a dare un tocco personale alle meccaniche che conosciamo. La mappa di gioco è divisa in più aree, la principale riguarda la piazza cittadina dove troviamo la locanda e il negozio. Il villaggio vero e proprio si trova in una zona verdeggiante e abbastanza selvaggia abitata, inizialmente, da due soli personaggi. Andando avanti con il gioco troveremo anche la spiaggia, la montagna e altre piccole chicche che non vi spoileriamo. Ogni area presenta risorse e opportunità particolare. Legno, pietra e tessuti possono essere raccolti per creare oggetti attraverso un classico sistema di crafting.

Pesci e farfalle possono invece essere catturati per poter completare la vostra raccolta personale e ovviamente, guadagnare qualche moneta. Con le monete di gioco saremo in grado di comprare nuovi accessori, come l’accetta o il piccone, nonché mobili per personalizzare la nostra stanza e la nostra casa. Ovviamente potremo anche raccogliere semi di piante, fiori e alberi e decorare il nostro villaggio come meglio ci piace.

Lo scorrere del tempo non procede in maniera analoga con quello reale. Ogni volta che si va a dormire, infatti, è possibile far andare avanti il tempo di 3 ore, 6 ore oppure attendere direttamente il giorno dopo. Questo accelera i tempi di gioco, non sarà necessario aspettare 3 giorni reali per veder crescere i vostri fiori.

Corsair Ironclaw Wireless RGB Ricaricabile Mouse Gaming...
  • Tre modalità di gioco: connettiti utilizzando la tecnologia Slipstream Corsair Wireless veloce con latenza inferiore a...
  • Tutto il comfort al momento giusto: forma sagomata progettata appositamente per un utilizzo palm-grip e per le mani...
  • Sensore ottico gaming di alta precisione: il sensore ottico Pixart PMW3391 nativo personalizzato da 18.000 DPI,...

Parola d’ordine: personalizzazione

Un elemento particolarmente rilevante in Hokko Life è la grande possibilità di personalizzare la nostra avventura. Al di là del sistema di crafting e di locazione degli oggetti, è presente infatti un sistema di design al quale ci guiderà la deliziosa cagnolina Sally. In questo modo saremo in grado di disegnare a nostro piacimento un oggetto nuovo partendo da zero. A nostra disposizione avremo una serie di progetti che si dividono in oggetti piccoli, medi e grandi, ponti, letti e molto altro. Scelto il progetto avremo carta bianca per poter inserire qualsiasi elemento ci piaccia con il colore, le dimensioni e le particolarità che più ci intrigano. Siamo davanti ad un sistema molto articolato ma per nulla complicato che darà sfogo alla nostra creatività.

Nel corso della nostra recensione di Hokko Life abbiamo creato un tavolo da te/ Ziggurat, un ponte con fin troppe statue per potersi reggere da solo se fosse stato reale, un set di sedie da cucina di cui una senza una gamba e molto altro. Le uniche regole riguardano le dimensioni minime e massime per ciascuna categoria, ma per il resto non ci sono limiti.

Colori a non finire

Passando dal punto di vista tecnico, Hokko Life vanta un fantastico stile cartoonesco ricco di colori e luci. Le animazioni non sono moltissime ma quelle presenti sono molto fluide e piacevole. Notevole anche il design dei vari personaggi e del protagonista, che ricordiamo può essere personalizzato all’inizio del gioco. Nota dolente per le espressioni e le animazioni degli abitanti del villaggio. A parte muoversi avanti e indietro, non fanno molto altro, il che ci allontana dall’affezionarci a loro. Piacevole, sebbene poco varia, la colonna sonora che presente quelle note vibranti ma tranquille, ideali per rilassarsi un po’ e perfettamente adatte allo stile di gioco.

Attualmente in Hokko life non è presenta la localizzazione in italiano, questo vuol dire che tutti dialoghi scritti (non c’è parlato) sono interamente in Inglese. Fortunatamente ogni dialogo è facilmente comprensibile e scorrevole.

La recensione di Hokko Life in pillole

Sulla carta Hokko Life è l’alternativa ideale ad Animal Crossing su PC. Uno stile particolarmente piacevole, un design accattivante e una grande possibilità di personalizzazione rendono Hokko Life un valido titolo. Attualmente, ricordiamo il gioco è in Early-Access, questo vuol dire che aggiornamenti, patch e novità sono dietro l’angolo e non vediamo l’ora di scoprirle tutte.

PRO

  • Stile grafico piacevole
  • Tante cose da fare
  • Ottime potenzialità per il futuro

CONTRO

  • Animazioni scarne
  • Manca la lingua italiana
  • Agli abitanti manca un po’ di anima

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button