fbpx
FeaturedMotoriNews

Honda e: la EV giapponese è quasi pronta e ha un infotainment innovativo

Diamo un'occhiata alle caratteristiche della nuova Honda E, elettrica retrò ma molto tecnologica e con soluzioni nuove e originali, come l'infotelematica divisa in 3!

Dopo un paio di anni di gestazione, la nuova Honda e, prima Full-Electric del marchio giapponese, è quasi pronta per fare il suo debutto. Proprio Honda ha rilasciato una dimostrazione del suo nuovo sistema di infotainment e della grande tecnologia di bordo.

Si ma… Che cos’è la Honda e?

La Honda e è una citycar completamente elettrica che abbandona l’estetica futuristica e un po’ strana di alcune rivali (e del resto della gamma Honda), per abbracciare uno stile Retrò che si ispira alla prima Civic degli anni ’70.

Infatti, le proporzioni e alcuni dettagli rimandano al passato, con però componenti molto moderni.
Ad esempio, i grandi fari sono Full LED, e formano un muso e una coda molto simpatici e retrò. Sono circondati da una fascia nera sia all’anteriore che al posteriore, a contrasto con i colori vivaci e anche un po’ vintage.
Queste bande, insieme al tetto anch’esso nero, alle maniglie a scomparsa e all’assenza di sportelli per la ricarica la rendono elegante pur con una connotazione sportiva marcata data dai cerchi da 17 pollici e dallo spoiler posteriore.

Questa sportività è presente anche nell’impostazione meccanica. Infatti, la Honda e ha una piattaforma completamente nuova, con motore e trazione posteriore. La ripartizione dei pesi è 50/50 come le migliori sportive, e questo la rende molto intrigante in termini di guida.
Il guidatore può contare su un powertrain da 150CV e 320Nm di coppia, che si traducono in uno 0-100 km/h in 8.5 secondi, bei numeri per una citycar lunga solo 3.9 metri.

Honda dichiara che, oltre che sulle statali piene di curve, la e sia perfetta anche per la città. Infatti le dimensioni compatte, lo sterzo leggero e il raggio di sterzata record di soli 8.4 m sembrano una bella ricetta per la giungla urbana.

Inoltre, è dotata di tutti i più moderni sistemi di assistenza alla guida: cruise control adattativo, frenata automatica d’emergenza, mantenimento in corsia, sensori dell’angolo cieco.

Autonomia? La batteria agli ioni di litio da 35.5 kWh non è enorme, e infatti il dato dichiarato nel ciclo WLTP è di 210 km: un po’ pochini per un’elettrica così moderna.

Si tutto bello, ma questi interni?

Dopo questa doverosa introduzione, parliamo degli interni della Honda e.
Questi riprendono lo stile retrò modernizzato degli esterni: non troviamo strane forme o particolari eccentrici, la plancia è di impostazione straordinariamente classica.

Ok, eccezion fatta per gli enormi schermi che dominano la parte alta del cruscotto.
Incredibilmente, però, sono presenti molti tasti fisici, come le scorciatoie per la gestione dell’infotelematica e tutti i comandi del clima automatico.
Un inserto in legno corre alla base degli schermi, mentre sotto ai comandi del clima troviamo le prese USB, HDMI e 12Volt. Ancora più in basso, il selettore del cambio circondato da un altro inserto in legno.

Gli schermi presenti all’interno sono in tutto cinque: i due esterni da 6 pollici agli angoli della plancia mostreranno le immagini delle “camera mirrors”. Esatto, dopo il loro debutto di serie sulla Audi E-Tron, anche la Honda e non avrà gli specchietti laterali tradizionali, ma due telecamere ad alta definizione collegate ai due schermi interni. Anche lo specchietto centrale avrà uno schermo extra “on demand”, riprendendo la soluzione introdotta da Cadillac e portata in Europa da Land Rover con il nuovo Evoque (qui la prova di Fjona della “baby” Range dove spiega questa nuova tecnologia).

L’enorme schermo centrale in realtà è diviso in ben tre parti: lo schermo davanti al guidatore è un TFT da 8.8 pollici, adibito ad essere il cruscotto digitale. Al centro, invece, ci sono due schermi touch da 12.3 pollici LCD che sono il centro dell’azione dell’infotelematica di bordo.

Come funzionano questi due schermi?

I due schermi della Honda e sono perfettamente integrati fra di loro. La zona sinistra è adibita a dare gli input al sistema, mentre la zona destra è dedicata a mostrare ciò che si sta facendo.
Ad esempio, quando si programma il tempo di ricarica, sulla sinistra compare l’orologio per settare l’ora, mentre sulla destra compare un grafico con il tempo di ricarica stimato.
I due schermi possono essere usati anche separatamente, ad esempio con la navigazione sul lato guidatore e la musica sul lato passeggero.

Si possono anche impostare scorciatoie rapide semplicemente spostando un’icona tra quelle disponibili tra le preferite, esattamente come con uno smartphone moderno.
Smartphone che sulla Honda e trovano la compatibilità con Android Auto e Apple Car Play, il Bluetooth 5.0 e l’Hotspot Wi-Fi 4G. Ad auto ferma, l’hotspot può essere usato per effettuare lo streaming di video sugli schermi centrali.

È anche disponibile un nuovo sistema di comandi vocali con intelligenza artificiale. Basterà dire “Ok, Honda” per richiamare l’attenzione dell’assistente vocale che capirà un linguaggio naturale e imparerà man mano i vostri modi di parlare e di dire.

Infine, lo smartphone potrà essere usato come una chiave digitale per aprire e chiudere le portiere, impostare tempi di ricarica, climatizzazione e allarmi di sicurezza.

Ok mi hai convinto, quando potrò comprarla?

La nuova Honda e è in arrivo per il 2020, ad un prezzo che i rumor piazzano a 35000 euro per la versione base e meno di 40000 euro per la top di gamma. Al momento non è noto se tutte queste tecnologie saranno presenti anche sulla versione base.

Honda è rimasta sorpresa dall’interesse generato dalla sua nuova compatta. Infatti, i dirigenti giapponesi riportano che la Honda e ha ricevuto più di 36 mila richieste, e ha dichiarato che al momento la priorità verrà data agli ordini da Francia, Regno Unito, Germania e Norvegia.
Noi non vediamo l’ora di provarla! E voi? Cosa ne pensate di questa piccola elettrica retrò che sfida la nuova MINI Cooper SE?

The app was not found in the store. 🙁
]
Fonte
Autoblog
Tags

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker