fbpx
NewsVideogiochi

Itch.io sostiene il diritto all’aborto

Un bundle per supportare i diritti delle donne statunitensi

Dopo la decisione della Corte Suprema di Washington di abolire il diritto costituzionale all’aborto, le industrie del mondo tech e gaming si sono mosse a supporto dei diritti delle donne. Proprio in queste ore, ad esempio, Itch.io ha lanciato l'”Indie Bundle for Abortion Funds”, che offre ai giocatori ben 750 titoli diversi a soli 10 dollari. Una cifra simbolica, che segna il supporto della piattaforma alla causa delle donne statunitensi.

Itch.io sostiene i diritti delle donne con un bundle di oltre 700 giochi

“Indie Bundle for Abortion Funds”, questo il nome del bundle con cui Itch.io punta a raccogliere fondi a sostegno del diritto all’aborto negli Stati Uniti. Da quanto sappiamo, questo include 750 titoli di oltre 600 creatori. E ha un valore commerciale di oltre $ 3000. La donazione minima richiesta agli utenti, però, è di soli 10 $. Quanto basta per devolvere tutti i proventi al Collective Power Fund del National Network for Abortion Fund. In ogni caso, se non volete perdere l’occasione, sappiate che il bundle è disponibile fino al prossimo 15 Luglio. E finora ha raccolto $ 47793 del suo obiettivo di $ 50000.

Questa decisione non riguarda solo coloro che possono rimanere incinta – si legge in una dichiarazione di Itch.io -. È una determinazione di quali diritti noi come società scegliamo di ritenere sacri. È una questione di chi deve essere protetto. Il tessuto della nostra società è tessuto da ogni singolo membro, erodere un solo filo ci disfa tutti. Dobbiamo tutti prendere posizione e chiedere che i nostri diritti e la nostra autonomia corporea siano riconosciuti a livello federale“. Così la piattaforma spinge il bundle a sostegno del diritto all’aborto. Una delle tante iniziative che seguono l’annullamento della sentenza Roe.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button