fbpx

James Dyson Award: iscrizioni aperte per studenti e giovani laureati in ingegneria e design


Torna anche quest’anno il James Dyson Award, l’iniziativa che mette alla prova studenti e neolaureati sfidandoli a progettare nuovi innovative soluzioni.

In palio non c’è solo il James Dyson Award. La competizione infatti ha permesso ai vincitori del passato di trovare investitori e nuove opportunità di sviluppo per le proprie idee. Pensate ad esempio a Petit Pli, un capo d’abbigliamento estensibile per bambini, o a Mimica, l’etichettà di cibo bio-reattivo. Entrambe sono diventate imprese di successo. Gli inventori della O-Wind Turbine, vincitrice del James Dyson Award 2018, sono stati contattati da alcuni investitori poco dopo l’assegnazione del premio.

Insomma, una vera opportunità che parte da qui, dalle candidature di giovani innovatori. Ma come proporre la propria invenzione? Prima di tutto dovete andare sul sito web e compilare un form spiegando cos’avete creato, come funziona e come è stato sviluppato il prodotto.

Per partecipare dovete essere, o essere stati negli ultimi quattro anni, iscritti per almeno un semestre ad un corso di laurea o dottorato in ingegneria o design presso un’università di uno dei Paesi partecipanti, ossia  Australia, Austria, Belgio, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, India, Irlanda, Italia, Giappone, Corea, Malesia, Messico, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Filippine, Russia, Singapore, Spagna, Svezia, Svizzera, Taiwan, EAU, Regno Unito e USA. Un criterio valido per tutti i membri di un team qualora partecipaste in squadra.

Le iscrizioni rimarranno aperte fino all’11 luglio 2019.

Ma cosa si vince? Al primo classificato a livello internazionale andranno 30.000 sterline (più 5.000 sterline per l’università del vincitore), mentre al secondo e terzo classificati a livello internazionale andranno 5.000 sterline ciascuno. Ci saranno poi anche i vincitori nazionali a cui andranno 2.000 sterline a testa.

Pronti a proporre la vostra idea?


Team di redazione

L'account della redazione di Tech Princess e Tech Business.