fbpx
impresa in azione

Green Savers è la migliore impresa del programma di Junior Achievement Italia
Quasi 11.000 studenti da tutta Italia hanno partecipato al programma di imprenditorialità di Junior Achievement Italia, con veri e propri progetti


Si è tenuta BIZ Factory, la prima finale nazionale in versione digitale di Impresa in azione, il programma di imprenditorialità di Junior Achievement Italia rivolto alle scuole superiori. Quasi 11.000 studenti da tutta Italia hanno partecipato al programma, presentando un vero progetto imprenditoriale.

Il progetto di Junior Achievement Italia per gli studenti

Sono stati gli studenti dell’ITT Majorana di Milazzo ad aggiudicarsi il titolo di Migliore Impresa JA 2020, alla finale nazionale fra startup create dagli studenti nell’ambito di Impresa in azione, il programma didattico di Junior Achievement Italia. Lo scopo è sviluppare le competenze imprenditoriali negli studenti delle scuole superiori, preparandoli al futuro professionale. La finale si è svolta in “modalità videogame”, interamente in realtà virtuale. Ha visto anche gli interventi della Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, del Ministro dell’Innovazione Paola Pisanoe dell’Assessora a Trasformazione digitale e Servizi civici del Comune di Milano, Roberta Cocco.

Il team della classe 3 A indirizzo Elettronica e Elettrotecnica ha creato APS 2.0, una struttura intelligente capace di proteggere le coltivazioni. Essa si adatta alle diverse condizioni climatiche mediante una scheda a microcontrollore, dei sensori e due teli protettivi motorizzati. I ragazzi si sono posti l’obiettivo di trovare una soluzione smart e sostenibile per tutelare i profitti delle aziende agricole, riducendo le perdite causate dalle condizioni meteorologiche sfavorevoli. APS 2.0 interviene solo in caso di necessità, garantendo alle coltivazioni di potersi sviluppare all’aria aperta in caso di condizioni meteorologiche “normali”.

Gli interventi dei Ministri

La finale, parte degli eventi STEMintheCITY con il patrocinio del Comune di Milano e della Commissione Europea, ha visto la partecipazione e il plauso di Lucia Azzolina, Ministra dell’Istruzione. Azzolina ha voluto trasmettere agli studenti un messaggio:

“Ampliare gli orizzonti della didattica è un obiettivo che la scuola italiana persegue da tempo. […] Dobbiamo riprogettare la nostra scuola, in una chiave ancora più moderna. Rendendola attiva, pratica, digitale, che orienti e prepari al futuro. So che sono proprio queste le caratteristiche contenute nei progetti selezionati e presentati da voi studenti. Iniziative come quella di oggi sono molto importanti e utili per il Ministero dell’Istruzione, per il Governo e per tutti i lavoratori della scuola”.

Anche Paola Pisano, Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione è intervenuta. “Junior Achievement è entrata a far parte del nostro progetto Solidarietà Digitale che eroga in modalità gratuita servizi digitali per permettere ai cittadini di continuare la loro vita anche nel periodo di lockdown. Noi pensiamo che il digital divide si combatta proprio in questo modo”.

Una finale in realtà virtuale

junior achievement italia realtà virtuale

Impresa in azione ha coinvolto quest’anno quasi 11.000 studenti delle scuole superiori. Durante l’anno scolastico hanno lavorato per realizzare un vero progetto imprenditoriale. Una volta stabiliti i ruoli (ogni team ha, infatti, CEO, direttore finanziario, responsabile marketing etc.), i ragazzi hanno sviluppato un prodotto o servizio, con tutti gli aspetti di una vera e propria impresa. Dalla sostenibilità economica, al piano di marketing, fino ai materiali di comunicazione. Alla finale BIZ Factory, hanno potuto presentare i propri progetti alla Giuria qualificata, presieduta da un esperto in tema di innovazione imprenditoriale: Stefano Mainetti, Amministratore Delegato di PoliHub, lo Startup District & Incubator del Politecnico di Milano.

Al fianco dei ragazzi c’erano dei Dream Coach, professionisti e manager volontari, che hanno mantenuto con loro uno stretto contatto nello sviluppo della propria mini-impresa. Portando così l’esperienza concreta della realtà aziendale e delle professioni che potrebbero svolgere domani.

Una finale innovativa quella di quest’anno, interamente in realtà virtuale. Realizzata in collaborazione con la giovane startup siciliana Coderblock. La startup ha ricreato in 3D gli ambienti in cui tutti gli attori si muovono e interagiscono con il proprio avatar, come in un videogame.

Focus dell’edizione 2020 le materie STEAM, che aggiungono la A di Arte, ad indicare la componente umana, alle più note discipline STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica). La creatività è, infatti, è alla base di una formazione completa. Essa, infatti, consente di creare collegamenti interdisciplinari e di attingere alle diverse risorse di cui si dispone per trovare soluzioni a qualsiasi tipo di problema.

I premi assegnati

Ma la finale ha visto molti altri progetti di grande valore e innovazione presentati dagli studenti di tutta Italia, che hanno ricevuto premi specifici o menzioni speciali, in particolare con riferimento all’applicazione delle competenze STEAM (Science, Tech, Engineering, Art&Creativity, Math) focus di questa edizione:

  • Science: Fondazione Coca-Cola HBC Italia ha consegnato il Girls in STEM Award a 5 ragazze provenienti da tutta Italia che hanno mostrato competenze e capacità nell’ambito delle materie scientifiche. Confermando con la loro passione l’infondatezza degli stereotipi di genere.
  • Tech: Operazione Risorgimento Digitale in TIM ha premiato Europa Community Service JA, un team di giovanissimi futuri tecnici del marketing dell’Istituto Europa di Pomigliano D’Arco. Si è distinto per l’applicazione di competenze digitali utili allo sviluppo e alla promozione di servizi innovativi e sostenibili rivolti ai cittadini.
  • Engineering: ABB ha consegnato il Premio Impresa 4.0 al team AMA JA Italia degli studenti dell’IPSIA G. Ceconi di Udine. I ragazzi hanno realizzato Eagle Entry, un sistema di controllo accessi rapido ed efficiente applicabile al settore dell’organizzazione di eventi come concerti.
  • Art: The Walt Disney Company Italia ha consegnato il Creativity Award a SOS FOOD JA dell’ITT Majorana di Milazzo. Il team ha proposto una piattaforma di condivisione delle eccedenze agricole e del non raccolto, mettendo in contatto piccole aziende agricole, persone che hanno orti e altri utenti della zona.
  • Math: Credit Suisse ha consegnato il Best Business Plan Award a Rainless JA dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco. Il team ha proposto una soluzione innovativa, pratica ed economica per tutti gli sportivi: una pellicola, il materiale plastico biodegradabile idrorepellente che permette alle gocce d’acqua di scivolare velocemente sulla maschera senza lasciare residui.

Altri premi speciali

Inoltre sono stati assegnati due premi speciali per l’approccio umano trasversale alle STEAM:

  • Citi Foundation Client Focus Award, consegnato da Citi Foundation alla mini-impresa Luggaggee realizzata dagli studenti dell’Istituto G. Marconi. Premiato il servizio innovativo di una “valigia virtuale” da poter scegliere in anticipo per permettere ai viaggiatori di trovare il bagaglio direttamente a destinazione. È stata premiata perché mette il cliente al centro, semplificando, innovando e personalizzando la sua esperienza di consumo.
  • Ready for work Award, consegnato da ManpowerGroup a RI Cycle dell’Istituto Celestino Rosatelli di Rieti con un progetto volto a garantire un servizio di bike sharing a Rieti. Premiato per la consistenza del progetto, già trasformato effettivamente in startup, che è andato oltre il bikesharing, partendo dai bisogni dei vari target di utenti.

Junior Achievement Italia ha inoltre deciso di attribuire il JA Italia Teacher of the Year Award. Il premio riconosce l’impegno e il ruolo fondamentale degli insegnanti in questo periodo di lockdown, nel portare avanti i programmi e sostenere i ragazzi. Il vincitore è stato il Prof Giuseppe Bucca dell’Istituto Majorana di Milazzo.

Il Manifesto delle Competenze Trasversali

“Abbiamo dimostrato che la tecnologia è uno strumento formidabile e che grazie ad essa, anche la didattica a distanza può essere in grado di stimolarli e coinvolgerli, facendo loro raggiungere ottimi risultati”. ha dichiarato Antonio Perdichizzi, Presidente di Junior Achievement Italia.

JA Italia ha realizzato un Manifesto delle Competenze Trasversali affinché i programmi volti a trasferire tali competenze non vengano abbandonati a favore di un ritorno al programma scolastico in senso stretto. Il Manifesto ha già raccolto oltre 1000 firme.

Durante la giornata i partecipanti hanno, inoltre, potuto assistere a talk ispirazionali rivolti agli studenti in cui gli ospiti hanno raccontato le proprie storie volte a trasferire passione e coraggio. Anna Gaudenzi, Direttrice editoriale di StartupItalia ha intervistato i top Manager di ABB, Coca-Cola HBC Italia e ManpowerGroup. Il focus dell’intervista è stato come avvicinare il mondo della scuola a quello del lavoro in un contesto sempre più sfidante.


Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.