fbpx
CulturaNews

Laurence des Cars, la prima donna alla guida del Louvre

Dall'1 Settembre Laurence des Cars sarà alla guida del Museo del Louvre

Il Museo del Louvre ha una storia lunga ben 228 anni, nel corso dei quali mai una donna si è trovata alla Direzione. Almeno fino ad ora. A partire dall’1 Settembre, infatti, sarà Laurence des Cars a guidare il museo francese. Dopo essersi occupata della direzione del Muse’e d’Orsay, che lascia ora dopo quattro anni, e dell’Orangerie, la storica dell’arte diventa ufficialmente la prima donna alla guida del Louvre. Scelta per la sua “statura internazionale” – così riferisce l’Eliseo -, la des Cars vanta un curriculum assolutamente meritevole. Studentessa alla Sorbona e all’Ecole du Louvre, curatrice all’ex stazione Orsay e poi direttrice di due dei musei più noti di Parigi. Non c’è da stupirsi, quindi, che sia stata chiamata a ricoprire un ruolo tanto importante.

Laurence des Cars alla guida del Louvre

Al di là della sua incredibile formazione accademica, Laurence des Cars è nota soprattutto per essere un’esperta dell’arte del XIX secolo e del Primo Novecento. Non a caso, si devono a lei alcune delle mostre più belle degli ultimi anni: l’esposizione su Gustave Courbet al Metropolitan di New York, l’omaggio al Marchese De Sade al Museo d’Orsay e poi ancora la mostra sull’Origine del Mondo di Corot. Ma non è tutto. La des Cars è stata anche autrice di importanti saggi artistici sui Preraffaelliti e sull’arte francese del XIX secolo. Insomma, conosce bene la materia e ha l’ambizione di renderla nota anche agli altri.

Non a caso, ha dichiarato di voler trasformare il Museo del Louvre in una “cassa di risonanza per la società“, con l’obiettivo di attirare soprattutto i visitatori più giovani. Per quanto riguarda l’aspetto più prettamente artistico, la nuova Direttrice ha già pensato a creare una nuova sezione dedicata all’arte bizantina e al cristianesimo d’Oriente. Grandi aspettative, quindi, per l’operato di Laurence des Cars che, dopo la pandemia, dovrà rendere il museo “ancora di più un luogo della contemplazione e della riflessione aperto a tutti“. In ogni caso, l’obiettivo della nuova Direzione è quello di arricchire il calendario delle mostre per incrementare i visitatori. Un traguardo importante, che siamo certi che questa grande donna riuscirà a raggiungere.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button