fbpx
RecensioniRecensioni VideogiochiVideogiochi

La recensione di MotoGP 21: rincorriamo la nostra moto

Anche quest'anno Milestone arriva con il suo MotoGP 21, le novità non mancano

Come ogni anno, non poteva mancare all’appello il nuovo titolo di casa Milestone dedicato al motomondiale. Oggi, dunque, vogliamo raccontarvi le nostre impressioni nella recensione di MotoGP 21. Il titolo riprende molto dei capitoli precedenti, presentandoci modalità già consolidate e novità dal punto di vista di fisica e dinamica. Migliorano grafica e gestione della moto per un risultato davvero appagante. Sono i dettagli, infatti, a fare la differenza.

Certo, non vi aspettate di avere tra le mani un gioco completamente stravolto, ma i cambiamenti sono ben visibili. Anche quest’anno, dunque, siamo pronti a metterci in sella e sgasare come non mai. Siete curiosi di scoprire tutte le novità? Seguiteci dunque nella nostra recensione di MotoGP 21.

Offerta
MotoGP 21 - PlayStation 4
  • Prendi il tuo posto sulla griglia di partenza e preparati per il videogioco MotoGP più autentico e coinvolgente di...
  • Più di 120 piloti ufficiali, 20 circuiti ufficiali e funzionalità nuove e migliorate come l'introduzione della regola...
  • Rivivi la storia e tutte le emozioni della MotoGP con più di 40 piloti storici e le loro moto iconiche!

MotoGP 21 recensione: l’asfalto è sempre più vicino

Per la nostra recensione di MotoGP 21 vogliamo partire subito dalle novità più interessanti introdotte: freni e dinamica. Come al solito, il titolo di casa Milestone offre una fisica di tutto rispetto: riusciamo a percepire il peso della moto in ogni occasione, che si tratti di una piega o di una curva. I dettagli sono riprodotti in maniera decisamente puntuale e il tutto è sempre più vicino al realismo totale. Il modello di guida è soddisfacente ed è personalizzabile come nei precedenti capitoli.

La fisica generale è molto buona, migliora leggermente rispetto al passato, senza subire, però, particolari stravolgimenti. Quello che cambia è il sistema dei freni. Ebbene, in MotoGP 21, dovremo gestire la temperatura degli stessi. Questo dettaglio si aggiunge alla gestione della temperatura delle gomme, già presente nel capitolo precedente. Si tratta di un altro particolare interessante che ci avvicina sempre più al realismo totale.

MotoGP 21 recensione gara

Sempre seguendo il filone del realismo, parliamo dell’ultima novità riscontrata durante la recensione di MotoGP 21: il respawn. Se siete dei fedeli giocatori del titolo di casa Milestone, saprete che, a ogni caduta, il pilota era solito ritrovarsi sulla moto. Da quest’anno, però, la situazione si evolve leggermente e non saremo costretti al respawn automatico. Ci sarà, infatti, la possibilità di correre verso la moto per andare a rialzarla. Questo passaggio renderà non solo più realistica la caduta, ma anche le tempistiche di rimessa in sella del pilota.

MotoGP 21 recensione caduta

Quest’anno non viaggiamo impreparati

Avviando il titolo e aprendo il menù di gioco, non abbiamo particolari sorprese; troviamo la solita Carriera, il Multigiocatore, alcuni Contenuti Scaricabili, le Opzioni, la Personalizzazione, il Tutorial e le Modalità Veloci. Al momento della nostra recensione di MotoGP 21, non abbiamo avuto accesso ad alcun contenuto scaricabile, che verrà implementato con il tempo, ma abbiamo potuto mettere le mani nelle altre scelte di gioco.

La parte più interessante, e che potrebbe aiutare i giocatori alle prime armi, è il Tutorial. Questa particolare sezione ci darà modo di testare il titolo nelle sue differenti difficoltà. Si tratta di un’ottima opzione che ci permetterà di prendere mano con i vari livelli, al fine di poter scegliere la difficoltà che meglio soddisfa le nostre esigenze.

Per quel che concerne, invece, la modalità Carriera, non abbiamo grossi cambiamenti rispetto agli anni passati. Avremo, sempre, la possibilità di scegliere tra Team reali e Team creati da noi – attraverso sponsor predefiniti come Oakley e GoPro. Inoltre, non è necessaria nessuna “gavetta”: non siamo costretti a partire da Moto 3. Se vogliamo, infatti, possiamo partire da Moto 2 o direttamente da MotoGP, senza dover passare dalle categorie più basse. Per terminare, manca la possibilità di fare la Rookies Cup.

MotoGP 21 recensione retro gara

Non solo Carriera, ma anche altro in questo MotoGP 21

Concludiamo la nostra recensione di MotoGP 21 con l’accenno alle altre modalità e al sistema di personalizzazione. Nel menù principale, infatti, non troviamo solo la Carriera, ma anche alcune Modalità Veloci. Queste si compongono di Gran Premio, Prova a Tempo e Nuovo Campionato. Prendendo parte a una di queste gare, avremo modo di scegliere tra una vasta gamma di moto e piloti. Saranno, ovviamente, disponibili tutti i piloti e le moto ufficiali della nuova stagione, oltre alle MotoGP 4 tempi 800 e 990 cc e le storiche 500 cc 2 tempi.

Anche per quel che riguarda il sistema di Personalizzazione, non abbiamo grossi cambiamenti rispetto agli anni passati. Come di consueto, abbiamo la possibilità di modificare i dati relativi al nostro pilota e tutta la sua attrezzatura. Possiamo creare il suo numero, modificarne il casco, realizzare l’adesivo riconoscitivo sulla tuta e potremo modificare i colori e le livree dei team che andremo a creare. Questi, poi, saranno disponibili e utilizzabili durante la Carriera.

Ultimo accenno alla grafica che, rispetto al passato migliora, senza grossi stravolgimenti. La versione da noi testata è quella su PC, che non subisce alcun passaggio next gen. Un vero peccato, visto che sarebbe stata la macchina più adatta a questo tipo di upgrade.

MotoGP 21 recensione: verdetto finale?

MotoGP 21 è uno di quei titoli a cui non è possibile rinunciare. Sebbene, infatti, le modifiche rispetto al titolo precedente non siano troppe, il desiderio di avere il nuovo capitolo è sempre alto. Purtroppo, a livello grafico, non assistiamo (almeno su PC) al cambiamento che avremmo desiderato, ma questo poco ci importa. Bastano le corse verso la nostra moto dopo una rovinosa caduta, o la gestione della temperatura dei freni, a renderci felici.

Inoltre, squadra che vince non sia cambia, dunque, perché rischiare? L’ormai consolidata modalità Carriera è un punto chiave del gioco che non può subire troppe modifiche. Il team Milestone è riuscito a dare una nuova ventata grazie a piccoli cambiamenti, senza stravolgere il senso di gioco. Anche quest’anno, il nuovo MotoGP, è più che approvato.

Offerta
MotoGP 21 - PlayStation 4
  • Prendi il tuo posto sulla griglia di partenza e preparati per il videogioco MotoGP più autentico e coinvolgente di...
  • Più di 120 piloti ufficiali, 20 circuiti ufficiali e funzionalità nuove e migliorate come l'introduzione della regola...
  • Rivivi la storia e tutte le emozioni della MotoGP con più di 40 piloti storici e le loro moto iconiche!

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, ad occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button