fbpx
OnePlus Gaudì 8T Concept

OnePlus 8T Concept: il concept phone che cambia colore
L'ultimo concept phone dell'azienda cinese unisce un design ispirato alla natura alle tecnologie più avanzate


Si chiama OnePlus 8T Concept l’ultimo concept phone dell’azienda cinese. Un prodotto che parte da una base consolidata, quella di OnePlus 8T, ma che aggiunge un nuovo tipo di interattività pensata per essere naturale ed intuitiva.
Ma cosa significa nella pratica?

OnePlus 8T Concept: che c’è di nuovo?

Il nuovo OnePlus 8T Concept – nasce con l’intento di unire un design ispirato alla natura alle tecnologie più avanzate.

Partiamo dal primo elemento: l’estetica. I designer dell’azienda cinese hanno tratto ispirazione dall’acqua che scorre nelle sorgenti calde di Pamukkale, in Turchia. Tutto questo per creare nuove esperienze di interazione che fossero ancora più intuitive per l’utente.

Ma quali esperienze? È qui che entra in gioco l’ECMF, acronimo di Electronic Color, Material and Finish. Qui prende la forma di una pellicola che cambia colore grazie all’ossido di metallo contenuto nel vetro. Come? Lo stato di valenza degli ioni varia in base al voltaggio e questo permette di passare da un blu scuro ad un argento chiaro.

A questo si associa il mmWave, tecnologia normalmente utilizzata per il 5G. Quando il modulo dedicato riceve le onde elettromagnetiche, l’elaborazione digitale del segnale (DSP) e la CPU permettono al dispositivo di percepire, visualizzare, localizzare e tracciare gli oggetti.

Tutto questo permetterà alla back cover di far lampeggiare i colori quando ricevete una telefonata ma anche di accettare o rifiutare la telefonata con un semplice gesto. Inoltre il mmWave può registrare la respirazione di un utente, consentendo al colore di cambiare in sincronia con quest’ultimo e rendendo il telefono un dispositivo di biofeedback.

Tutto questo è OnePlus 8T Concept, un dispositivo creato da un team multiculturale e diversificato di 39 designer con sede a Shenzhen, Taipei, New York e in diverse parti dell’India.


Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.