fbpx
Google Pixel 4 XL 5 Motion Sense

Pixel 5 non avrà più la funzionalità Motion Sense
Il sensore per il controllo a distanza visto su Pixel 4 ha avuto vita breve


Google Pixel 5 non avrà più Motion Sense, secondo quanto riportato dal podcast di 9to5Google. La funzionalità, introdotta sulla serie Pixel 4, permetteva di controllare fare diverse azioni, come la riproduzione musicale, senza toccare direttamente il telefono.

Google Pixel 5 rinuncerà al Motion Sense

Motion Sense si basa sulla tecnologia Soli incorporata nel notch della fotocamera anteriore. Sembra che sia proprio questo componente che andrà a mancare nel prossimo top di gamma di Google.

La decisione è stata probabilmente presa in seguito allo scarso utilizzo di questa funzionalità al fronte del costo di integrare i componenti necessari all’interno del telefono. Il chip, inoltre, in alcuni paesi era disattivato per venire incontro ad alcune regolamentazioni riguardanti l’uso di tecnologia radar.

Questo chip, che tra le altre cose permetteva di capire quando l’utente era vicino o meno al telefono, era dietro anche allo sblocco facciale del dispositivo. Questa funzione probabilmente rimarrà, anche se dovrà essere implementata con un’altra soluzione tecnologica.

Quando uscirà?

Pixel 5, senza quindi Motion Sense, dovrebbe uscire questo autunno, e prima di questo, presumibilmente a giugno, dovremmo invece vedere il medio-gamma Pixel 4a.

Bestseller No. 1
Google Pixel 4a 14,7 cm (5.8") 6 GB 128 GB 4G USB Tipo-C...
  • Type: Smartphone
  • - 2G Network: GSM 850 / 900 / 1800 / 1900
  • - 3G Network: HSDPA 850 / 900 / 1700(AWS) / 1900 / 2100
Bestseller No. 2
Google Pixel 4a with 5G (2020) G025I 128GB + 6GB RAM Factory...
  • 6.24-inch Full-screen display, FHD+ (1080 x 2340) OLED at 413 ppi, HDR support
  • 128 GB storage, 6 GB LPDDR4x RAM
  • Qualcomm Snapdragon 765G 2.4 GHz + 2.2 GHz + 1.8 GHz, 64-bit Octa-Core Adreno 620, Titan M security module, 3800 mAh...

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione e alla divulgazione. Estremamente curioso e interessato a quasi tutto: scienza, tecnologia, società, ma anche fumetti, podcast, internet culture e videogiochi.