fbpx
CulturaNews

Una fetta di solidarietà contro il Coronavirus

Può una fetta di pizza aiutare le persone, anche in momenti tristi e bui come quelli di questi giorni colpiti dal Coronavirus? La risposta è certamente sì. Con la pizza non c’è da scherzare, che gli italiani continuino pure la propria diattriba su tutto il resto, compresa la guerra tra Pandoro e Panettone, ma la pizza è l’italianità per eccellenza. E lo hanno ultimamente imparato bene anche i francesi. Per questo Crosta, Forni con cucina, un locale a Milano, ha deciso di creare una raccolta fondi per sostenere la ricerca contro il Coronavirus.

Pizza vs Coronavirus

La pizza ai tempi del Coronavirus è diventata simbolo di una città e di un Paese che non si ferma e che ha voglia di reagire. All’appello non poteva mancare la pizza di Simone Lombardi del locale Crosta, Forni con cucina, sito in via Bellotti a Milano.

Forni con cucina nasce nel cuore di Milano, il 1 dicembre del 2018. A soli dieci mesi dall’apertura del locale, Crosta conquista i Tre Pani e il premio speciale Pane dell’Anno del Gambero Rosso e i Tre Spicchi per la pizza a degustazione, sempre del Gambero Rosso, diventando così l’unico panifico-pizzeria in Italia ad aver ricevuto entrambi i riconoscimenti.

crosta pizza coronavirusDopo essersi distinto per la sua cucina, il locale decide di dare inizio a una raccolta fondi. Per ogni pizza venduta, 2 euro (1 euro aggiunto al conto del cliente e 1 dalla pizzeria), saranno devoluti all’Ospedale Luigi Sacco di Milano, per sostenere la ricerca del reparto di Malattie Infettive.

Il locale è aperto tutti i giorni, da lunedì a sabato dalle 8 fino alle 23, mentre la domenica fino alle 16. Nel weekend è disponibile la “colazione del sabato e della domenica”, la versione italiana del brunch. Dal martedì al sabato viene servito l’aperitivo: taglieri di salumi e formaggi, vini naturali e una particolare pizza contemporanea. Da Crosta, inoltre, si panifica tutto il giorno, e si può acquistare pane sempre fresco, anche a tarda sera.

La speranza, ora, è che i propri clienti e tutti gli altri possano fare la differenza… con una fetta di solidarietà.

Elisa Erriu

"Lo scrivere" è il suo mestiere. Ma oltre alla coltre delle sue varie esperienze giornalistiche e dei suoi Master, c'è un mondo fatto di fantasy, anime, film, videogame, musica, Ichnusa, My Little Pony e oggettistica del Re Leone (l'originale!). Attenzione: se pronunciate per tre volte il suo nome giapponese, apparirà alle vostre spalle.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button