fbpx
Planet Zoo: South America Pack recensione espansione

Planet Zoo: South America Pack, alla volta della giungla
Abbiamo giocato a South America Pack, il nuovo DLC di Planet Zoo, ecco la nostra recensione


Ecco a voi la recensione del South America Pack di Planet Zoo, il videogioco gestionale sviluppato da Frontier Developments, che ci permette di costruire e gestire il nostro zoo personale.

Dopo un’espansione dedicata agli animali dell’artico, questo DLC è interamente incentrato sugli animali e le ambientazioni tipiche del Sud America con 5 nuove specie, tante strutture suggestive e tantissime decorazioni. Scopriamo tutte le novità:

Planet Zoo: South America Pack recensione

A differenza del precedente DLC, il South America Pack di Planet Zoo non introduce nuovi missioni…no, neanche una! Ci avrebbe fatto molto piacere partecipare a una nuova brillante idea dell’ormai Bernard Goodwin, uno dei personaggi-guida del gioco, ma, per qualche ragione, questo piacere c’è stato tolto. In compenso abbiamo 5 nuove specie di animali, una più bella dell’altra:

  • Il giaguaro
  • Il lama
  • Il cebo cappuccino
  • Il formichiere gigante
  • La raganella dagli occhi rossi (come animale da mostra)

Come abbiamo ormai imparato, nella nostra lunga carriera di gestori di Zoo, ogni animale presenta delle proprie caratteristiche ed esigenze e un bioma specifico, tipico del Sud America. Per creare il loro habitat ideale abbiamo a disposizione tantissimi elementi naturali, rocce, piante e gli immensi alberi della giungla tropicale che offrono un’atmosfera unica. Allo stesso modo troviamo nuovi giochi e oggetti per intrattenere i nostri animali esotici.

Nella giungla più profonda

Planet Zoo: South America Pack recensione giaguaro

Per scoprire meglio tutte le novità di questo DLC abbiamo creato un nuovo zoo con la modalità creativa (sandbox) del gioco, senza obblighi o limiti di denaro. Sfruttando i filtri del catalogo di animali e oggetti, abbiamo iniziato ad utilizzare tutte le aggiunte dell’espansione ispirate alla giungla e alla civiltà azteca. In pochi istanti, il nostro zoo, che abbiamo chiamato Kuzcotopia (Oh Yeah!), si è trasformato in un bellissimo giardino zoologico immerso nella giungla dove le strutture funzionali e la natura si fondono in un’unica architettura suggestiva. Piante tropicali e decorazioni ispirate alle civiltà pre-colombiane accolgono i nostri visitatori intenti ad ammirare gli animali di questa regione del mondo.

I primi che abbiamo accolto nel nostro zoo sono stati i lama, uno degli animali-simbolo del Sud America straordinariamente rappresentato dal team di Frontier Developments che, ancora una volta, ha svolto un lavoro eccellente in termini di resa grafica e animazioni. Quindi è stata la volta della raganella dagli occhi rossi, il nuovo esemplare da mostra per il quale abbiamo creato una piccola struttura in paglia, legno e foglie di alberi tropicali. La situazione si è fatta “vivace” una volta che abbiamo deciso di far arrivare nel nostro zoo il fiero giaguaro che ci ha ricordato che ogni animale ha delle proprie caratteristiche come, in questo caso, la capacità di saltare con facilità i recinti più bassi…

L’esperienza con Kuzkotopia è durata meno del previsto con una mandria di visitatori in fuga , in preda al panico e qualche lama finito sgranocchiato. Con calma e dopo esserci fatti prendere dai sensi di colpa, abbiamo esplorato tutti gli elementi che compongono l’espansione. Essa compre, oltre agli animali che abbiamo visto, altri 250 nuovi elementi tra edifici, scenari, fogliame e tanto altro che vi lasciamo il piacere di scoprire.

Planet Zoo: South America Pack 
Planet Zoo: South America Pack 
Developer: Frontier Developments
Price: 9,99 €

Altro giro, altro continente

I nuovi elementi e animali restano fedeli alla qualità e all’attenzione del team di sviluppo per ogni minimo dettaglio. Le animazioni delle nuove specie sono davvero ben realizzate, così come quelle di tutti gli animali fino ad ora rilasciati. Tutte sono ricreate ad hoc e noterete, per esempio, che il giaguaro e il ghepardo, le cui animazioni avrebbero bene o male potuto sovrapporsi e riutilizzate nel gioco, risultano completamente diverse.

Il DLC mantiene lo standard di qualità e di prezzo, che abbiamo visto nell’Arctic Pack, uscito lo scorso dicembre facendoci scoprire una nuova regione del mondo. Come anticipato, l’assenza di una o più missioni dedicate si è fatta sentire ma l’espansione è godibilissima anche così e porta con se le novità di un importante aggiornamento disponibile per tutti i giocatori, gratuitamente.

Questo aggiornamento, in un certo senso, ci fornisce il triplo delle missioni che abbiamo affrontato fino ad ora. È stata infatti aggiunta la difficoltà delle missioni (Facile, medio e difficile) che eleva il grado di sfida e di novità aumentando allo stesso tempo la rigiocabilità. Adesso, infatti, ogni missione può essere completata tre volte nelle tre difficoltà. Ad ogni grado di complessità corrispondono tre obiettivi da raggiungere con un vantaggio o un forte svantaggio a seconda della difficoltà selezionata. Se si sceglie, per esempio, di intraprendere una missione “difficile” gli animali e i visitatori saranno più facilmente irritabili, i recinti potrebbero guastarsi prima del dovuto e i guadagni potrebbero non essere così facili da accumulare.

Planet Zoo: South America Pack recensione, conclusione:

In definitiva il South America Pack di Planet Zoo ripropone esperienze simili al precedente pack di espansione con nuovi animali e strutture. Se pensate che le novità introdotte non siano abbastanza vi ricordiamo che il DLC ha un costo di appena 9,99€, perfettamente equilibrato con le nuove aggiunte. 

La vostra esperienza di imprenditori può arricchirsi ulteriormente con il South America Pack e portare il tocco della giungla al vostro zoo. Peccato solo per quei poveri lama…


Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.