fbpx
NewsTech

La sedia da gaming del futuro è con display e tavolo integrati

Al CES 2021 Razer si presenta con Project Brooklyn, una sedia da gaming che sembra uscita direttamente da Cyberpunk 2077

Project Brooklyn ci ha colti di sorpresa. Da Razer ci aspettavamo infatti qualche annuncio più tradizionale: nuovi PC, nuove periferiche, nuovi accessori. E invece l’azienda californiana si è presentata al CES 2021 con una sedia da gaming davvero futuristica. Badate bene però, non è ancora realtà. Al momento siamo di fronte ad un concept e non è ancora chiaro se e quando Project Brooklyn diventerà un vero prodotto, acquistabile sul mercato. Nell’attesa però ecco cosa sappiamo di questa sedia che sembra uscita da Cyberpunk 2077. 

Razer Project Brooklyn: cosa sappiamo?

Project Brooklyn per ora non esiste ma Razer sembra avere le idee molto chiare su come dovrebbe essere, a partire dal display integrato. Parliamo di un OLED Flessibile da ben 60 pollici che può essere chiuso e poi nascosto sulla parte posteriore della sedia. È a scomparsa anche il tavolino. Abbiamo infatti un ripiano che viene composto usando parti integrate nei braccioli. Una soluzione che può sostituire la scrivania e che potete usare per mouse, tastiera, controller, smartphone o qualsiasi altra cosa necessario alle vostre sessioni di gioco. 

Razer Project Brooklyn tavoloLa dotazione tecnologica di Project Brooklyn però non finisce qui. Abbiamo infatti la tecnologia Hypersense, sviluppata da Razer che permette di ottenere un feedback aptico intelligente. Questo significa che la sedia è in grado di vibrare per fornire sensazioni naturali e realistiche. Non manca poi il supporto a Razer Chrome RGB, per personalizzare e controllare al meglio sia i LED che corrono lungo la base della sedia sia quelli che trovate sui lati del sedile. 

Completa il quadro la struttura in fibra di carbonio, indispensabile per non appesantire la sedia garantendo però un ottimo supporto a voi e al già citato display OLED.

Razer Project Brooklyn trasformazione

 

Razer Project Brooklyn: cosa NON sappiamo?

Questo è ciò che sappiamo per ora di questo concept. Ci sono però dei punti che rimangono ancora (giustamente) oscuri. Attualmente infatti non è chiaro come venga alimentata, se sia necessario collegarla anche al PC ed eventualmente che tipo di hardware sia richiesto.

Difficile poi prevedere il prezzo perché i fattori in gioco potrebbero essere molti.Razer Project Brooklyn alimentazione

Per chi è pensata?

Qui Razer ha le idee chiare. Noi infatti l’abbiamo definita sedia da gaming ma non nasce esclusivamente per questo. Al contrario, potrebbe adattarsi a più dispositivi e a più situazioni: intrattenimento, gioco e lavoro sia con un buon computer sia con una console o addirittura con smartphone e tablet. 

L’azienda americana poi evidenzia il suo carattere indipendente. Non vi serve infatti una scrivania a cui appoggiarvi, ma potete posizionare Project Brooklyn praticamente ovunque, a patto ovviamente che ci sia modo di alimentarla. 

Che ve ne pare? La vorreste?

Bestseller No. 1
Razer Kraken Tournament Edition - Esports Gaming Headset,...
  • Controlli audio completi: Ottieni un controllo totale con il controller audio USB; attiva il THX Spatial Audio per...
  • THX Spatial Audio: Vai ben oltre il tradizionale audio surround virtuale; il THX Spatial Audio espande i confini del...
  • Bilanciamento gioco/chat: L’audio del gioco non sovrasterà mai le comunicazioni con il team; l’opzione...
Bestseller No. 2
Razer Huntsman Tournament Edition Tastiera da Gioco con...
  • Tasti opto-lineari Razer: risposta immediata con attivazione ottica da 1.0 mm; ogni sequenza di tasti viene registrata...
  • Chiavi PBT a doppia iniezione: grazie al doppio strato di PBT che offre un'elevata resistenza, queste chiavi sono...
  • Memoria integrata: preparati a giocare senza aspettare grazie all'attivazione di fino a 5 configurazioni di profilo...

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button