fbpx
NewsTech

Meta verso i tagli del personale dei Reality Labs

La sezione dedicata al metaverso costa troppo alla compagnia

Cattive notizie per i dipendenti di Meta. Secondo quanto riferito da Reuters, la compagnia si sta preparando per attuare tagli del personale nei Reality Labs, per concentrarsi sui prodotti hardware e sul “metaverso”. Andrew Bosworth, Chief Technology Officer, lo ha annunciato chiaramente anche ai collaboratori della sezione, mettendoli in guardia sull’imminenza delle azioni della compagnia.

Reality Labs: Meta annuncia tagli del personale

Lo scorso mese Meta ha dichiarato ai suoi investitori che avrebbe ridotto i costi nel 2022, a seguito del calo di utenti registrato da Facebook nel corso dell’anno. Non a caso, Mark Zuckerberg ha annunciato che la compagnia ha bisogno di “rallentare il ritmo” di alcuni investimenti a lungo termine in aree come la sua piattaforma aziendale, l’infrastruttura di Intelligenza Artificiale e i Reality Labs. E per rimanere in tema, la società ha avvertito i dipendenti della riduzione delle assunzioni per le posizioni di livello medio-alt. Insomma, Meta sta cercando di fare di tutto pur di rientrare nei budget finanziari.

E ci stupisce che in questa strategia rientrino proprio i Reality Labs, che hanno messo a punto alcuni dei progetti più all’avanguardia di Meta. Tra questi il visore Oculus, gli occhiali smart, Portal e persino il nuovissimo Project Cambria VR. È abbastanza chiaro, quindi, che Zuckerberg abbia deciso di puntare tutto sul dipartimento che si occupa di progetti del metaverso. Ma questo gli è costato non poco. E, soprattutto, finora non gli ha permesso di gaudagnare nulla (o quasi). Ecco perchè la decisione dell’azienda è orientata verso i tagli del personale, che finora ha fatto spendere a Meta cifre esorbitanti. Ma, come detto, non gli ha ridato indietro ancora nulla.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button