!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');

Come acquistiamo i regali di Natale? Paypal analizza le nostre scelte

Il Natale è sempre più vicino e bsiogna cercare in fretta i regali da acquistare. Se trovare l’idea giusta non è sempre facile, la scelta può ricadere tra negozi fisici o navigare il mondo del web. PayPal ha deciso di analizzare l’evoluzione di queste abitudini con una ricerca dal titolo PayPal Christmas Shopping, per capire meglio […]


Il Natale è sempre più vicino e bsiogna cercare in fretta i regali da acquistare. Se trovare l’idea giusta non è sempre facile, la scelta può ricadere tra negozi fisici o navigare il mondo del web. PayPal ha deciso di analizzare l’evoluzione di queste abitudini con una ricerca dal titolo PayPal Christmas Shopping, per capire meglio i comportamenti e le modalità di apprccio dei consumatori di oggi nell’acquisto dei regali da mettere sotto l’albero.

Dando uno sguardo ai risultati dello studio, condotto da Kantar Millward Brown in paesi come Italia, Francia, Spagna, Svezia, Russia e Polonia, sembra che il periodo natalizio rappresenti un motivo di frustrazione per il 92% degli intervistati. Tra i motivi principali troviamo sicuramente il fastidio per la ressa, le code e le attese (43%), l’ansia per la ricerca dell’idea giusta (10%) e i prezzi alti (10%) sono ai primi tre posti.

Ciononostante, a molti ancora piace cercare il regalo adatto (24%), l’atmosfera natalizia (14%) e lo stare in famiglia (10%). È sempre più evidente che, per quanto le persone oggi siano ancora disposte a spendere tempo e denaro per cercare il giusto regalo, non vogliano però più sopportare ore di code, ressa e stress per comprarlo” ha commentato Federico Zambelli Hosmer, General Manager per l’Italia di PayPal.

Un problema questo che spinge molti a navigare online per trovare una soluzione, riducendo tempi e stress e aumentando le possibilità di scoprire il pensiero giusto per la persona giusta, riuscendo magari anche a risparmiare. Un vantaggio da non sottovalutare, anche alla luce della semplicità e della sicurezza offerte da servizi come PayPal”.

Sotto questo profilo il nostro Paese è uno dei più sensibili, a tal punto che quasi un Italiano su due sceglie di acquistare i propri regali online (46%) e di questi il 73% lo fa da pc, mentre il 27% da mobile (smartphone e tablet). Inoltre, sembra che gli eShopper italiani siano tra i maggiori utilizzatori di PayPal per i propri pagamenti digitali nelle compere natalizie (43%), per non parlare della loro propensione all’acquisto di prodotti provenienti dall’estero che è pari al 56% del totale.

Perchè acquistare online? Il motivo principale dello shopping tramite mobile è l’immediatezza dell’acquisto (51%). In realtà l’83% degli italiani afferma di non sentirsi totalmente a suo agio negli acquisti online, in particolare a causa degli alti costi di spedizione da affrontare (55%) e della condivisione dei propri dati finanziari (48%). Uno scoglio, quest’ultimo, che il 66% degli italiani giudica facilmente aggirabile grazie all’uso di PayPal.

Nonostante questi dubbi quasi un intervistato su due decide di fare i propri regali natalizi online e di questi il 23% acquista da mobile (smartphone e tablet), mentre il 77% lo fa da pc, e il 20% utilizza PayPal per il pagamento. Questo li rende più sereni nell’acquisto perché vengono rimborsati immediatamente se il prodotto non arriva o si perde (75%), non devono condividere i propri dati finanziari per pagare (59%) e non perdono tempo a registrarsi nel sito in cui stanno comprando (59%).

In pochi, però, decidono di muoversi per tempo per acquistare i regali e solo francesi (53%) e svedesi (45%) sembrano essere sufficientemente accorti da iniziare in anticipo. Italia e Spagna, invece, risultano essere i due paesi che si attivano più tardi e si può notare anche come il cosiddetto Black Friday sia considerato dal 55% il vero e proprio starting point per lo shopping natalizio, seguito a ruota dalla vigilia di Natale e dal Cyber Monday, che per quasi un consumatore su 4 è un’ottima giornata per trovare l’idea giusta per sorprendere la persona giusta.


Francesca Sirtori

Indielover, scrivo da anni della passione di una vita. A dispetto di tutti. Non fatevi ingannare dal faccino. Datemi un argomento e ne scriverò, come da un pezzo di plastilina si ottiene una creazione sempre perfezionabile. Sed non satiata.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link