fbpx
NewsTech

Inizia l’era della riparabilità degli smartphone: Google, Samsung e Apple lanciano programmi ad hoc

Ecco i nuovi progetti

In queste ultime settimane, Samsung, Google ed Apple hanno avviato, o hanno annunciato la volontà di avviare, programmi mirati a semplificare la riparabilità degli smartphone. Le aziende leader del mercato puntano alla sostenibilità ma, soprattutto, a dar vita a nuove opportunità di business con partnership con network certificati di riparazione ed un occhio al mercato dei ricondizionati che, già oggi, vale circa il 10% del mercato europeo degli smartphone.

La riparabilità degli smartphone aumenterà grazie agli impegni di Google, Samsung e Apple

Ad avviare il programma per semplificare la riparabilità degli smartphone è stata Apple con il lancio di Self Service Repair. Il programma, inizialmente legato ad iPhone 12 e 13, punta ad offrire pezzi di ricambio a prezzi di fabbrica per gli utenti che potranno riparare in autonomia gli smartphone. In futuro, anche i Mac entreranno a far parte del programma. Contestualmente, Samsung intende seguire la strada di smartphone con riparabilità semplificata. L’azienda intende, inoltre, incentivare l’utilizzo di pezzi e componenti riciclati nei programmi di riparazione.

Riparazioni fai da te anche con Google

Google, invece, ha avviato un programma per le riparazioni fai da te. Il programma in questione si concentra sui telefoni Pixel (a partire da Pixel 2). L’azienda ha stretto partnership con network specializzati per semplificare le riparazioni. Il magazine The Verge, dopo gli annunci di Samsung, Google e Apple, ha chiamato questa tendenza l’era della riparazione del proprio smartphone.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button