fbpx
LifestyleTech

Western Digital mira a ridurre del 42% le emissioni di carbonio

La societa americana aderisce all’iniziativa Science Based Targets

Western Digital annuncia di aver aderito ufficialmente all’iniziativa Science Based Targets (SBTi), che ha verificato l’aderenza dei suoi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra con l’accordo di Parigi e i requisiti del SBTi. Gli obiettivi “science-based” prevedono una riduzione delle emissioni sulla base delle ultime indicazioni della scienza del clima per prevenire i peggiori impatti del cambiamento climatico.

Western Digital: il punto di vista dell’azienda

“L’impegno per raggiungere questi ambiziosi obiettivi “science-based” è doveroso nei confronti del pianeta, della società, dei nostri clienti e dei dipendenti. I prossimi anni sono critici, e le aziende hanno un ruolo vitale nel favorire il raggiungimento di una trasformazione significativa nei tempi e nelle dimensioni”, ha dichiarato Joshua Parker, senior director, Corporate Sustainability, Western Digital. “Stiamo già facendo rapidi progressi per ridurre le nostre
emissioni, dimostrando il nostro impegno per costruire un’economia sostenibile”.


L’iniziativa SBT offre alle organizzazioni due livelli di obiettivi nel loro cammino verso la riduzione delle emissioni di gas serra: un primo impegno di base che consiste nel limitare il riscaldamento globale a meno di 2°C sopra i livelli preindustriali e un secondo impegno più ambizioso che invece richiede di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, in linea anche con le indicazioni contenute nell’accordo sul clima di Parigi.

Obiettivo: 1,5 °C

“Ci congratuliamo con Western Digital per aver fissato obiettivi climatici basati sulla scienza coerenti con la limitazione del riscaldamento a 1,5°C, l’obiettivo più ambizioso dell’Accordo di Parigi”, ha commentato Alberto Carrillo Pineda, Managing Director, Science Based Targets di CDP, uno dei partner dell’iniziativa Science Based Targets. “Ponendosi questi importanti obiettivi, Western Digital offre il proprio contributo nel prevenire gli effetti più dannosi del
cambiamento climatico”.

In linea con gli obiettivi prefissati, Western Digital si impegna a ridurre le sue emissioni (Scopo 1 e 2) del 42% entro il 2030, prendendo come anno di riferimento il 2020. L’azienda sta anche adottando un obiettivo Scope 3 per ridurre l’intensità delle emissioni dei suoi prodotti del 50% entro il 2030.

Le 5 mosse per arrivare a centrare il target

Per raggiungere questi obiettivi, la factory americana si concentrerà principalmente sulla riduzione dell’energia attraverso una maggiore efficienza operativa, l’adozione di energia solare in loco e l’acquisto diretto di energia rinnovabile.

L’azienda sta facendo progressi in diverse aree:
● Da metà 2021, le sedi della azienda, situate nella California del Nord, operano utilizzando il
100% di energia rinnovabile;
● Western Digital ha acquistato il 100% di energia rinnovabile per la sua sede di
Shenzhen e sta esplorando diverse alternative per le altre sedi a livello globale;
● Western Digital utilizza l’energia solare in loco in diverse strutture in tutto il mondo;
● dal 2019 al 2020, Western Digital ha ridotto l’intensità energetica dei suoi prodotti del
25%;
● dal 2019 al 2020, Western Digital ha ridotto le emissioni (Scopo 1 e 2) di oltre l’8%.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button