fbpx
whatsapp coronavirus

WhatsApp aggiunge la funzione di ricerca sul web per combattere la disinformazione
La celebre App di messaggistica annuncia la nuova funzione di ricerca sul web per contenere la diffusione di messaggi virali


WhatsApp ha annunciato una nuova funzione per contenere la disinformazione sull’App. Si tratta di un’opzione di ricerca che permette agli utenti di verificare la veridicità dei contenuti di un messaggio. A partire da oggi vedrete comparire una lente di ingrandimento accanto ai messaggi che sono stati inoltrati da più di cinque persone consecutivamente. Toccando l’icona si avvia una funzione di ricerca online che vi svela se le notizie che state leggendo sono false o meno.

Una soluzione perfetta per contenere la diffusione della disinformazione, soprattutto in un periodo come questo. Tra l’altro, non è certo la prima azione della celebre applicazione di messaggistica per combattere la circolazione di notizie false su Covid-19 e pandemia. Questa funzionalità era stata preannunciata, ma vediamo di cosa si tratta nello specifico.

WhatsApp combatte la disinformazione con una nuova funzione 

Per rendere nota la nuova funzione di ricerca sul web, WhatsApp ha condiviso uno screenshot relativo ad un messaggio che afferma che “bere acqua bollita con aglio guarirà il Covid-19” (non provateci, sia chiaro, anche solo perché non potreste avvicinare nessuno poi). La funzione di ricerca online mostra come risultati tre diversi siti che affermano che si tratta di una notizia falsa. In questo modo, gli utenti sanno che non devono dare credito a quanto leggo in messaggi di questo tipo.

WhatsApp funzione ricerca web

Tutto questo perché a marzo, in piena pandemia da Coronavirus, l’App di messaggistica è stato uno degli strumenti che più di altri ha contribuito a diffondere notizie false e tendenziose. Risolvere il problema della diffusione dei messaggi virali non è semplice per WhatsApp, perché protetti dalla crittografia end-to-end. In ogni caso, la piattaforma ha avvertito gli utenti che la funzione di ricerca invierà il messaggio al browser senza visionarlo. Se volete provarla, potete farlo senza problemi. A partire da oggi la nuova funzione è infatti disponibile in Italia, Brasile, Irlanda, Messico, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti.

 


Chiara Crescenzi

author-publish-post-icon
Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link