fbpx
NewsTech

Windows 7: siamo vicini alla fine del supporto

Microsoft ha iniziato a notificare gli utenti che ancora utilizzano il sistema

Windows 7 è stato per moltissimi utenti una prima rivoluzione nell’ambito dei sistemi operativi della casa di Redmond. Fu un sistema operativo che portò notevoli cambiamenti mantenendo però un’interfaccia utente piuttosto simile al predecessore, a differenza di Windows 8. Grazie alle similitudini grafiche, Windows 7 fu accolto in maniera positiva da tutti coloro i quali iniziarono a fare l’upgrade da Windows XP, Vista e/o sistemi diversi.

Windows 7 fu reso disponibile il 22 ottobre 2009 e fu il primo ad avere un innovativo file system chiamato “WinFS“. A distanza di quasi 10 anni dall’uscita, Microsoft annuncia il termine del supporto, prorogato di ben 5 anni rispetto alla data originaria prevista.

Checché se ne dica, Windows 7 è stato un sistema operativo stabile, a differenza dei noti problemi con il successore (risolti poi con Windows 10), ed è per questo motivo che ottenne fin da subito un grande successo e innumerevoli installazioni già a partire dalla versione RTM (che non era quella definitiva).

Windows 7 fine supporto

Windows 7 fine supporto: ecco la data e i dettagli

Microsoft ha ora iniziato il “roll out” di un aggiornamento per Windows 7 che notifica agli utenti il termine del supporto, fissato per il 14 gennaio 2020. Il sistema di avviso scelto dalla casa di Redmond è molto simile a quello utilizzato per notificare agli utenti la presenza, all’epoca, dell’aggiornamento a Windows 7. Si tratta di una semplice notifica all’interno del sistema operativo per avvisare gli utenti.

Questo significa che, a partire dal 14 gennaio 2020, gli utenti non potranno più ricevere aggiornamenti di sicurezza, driver e supporto generico. Questo è stato fatto in funzione dell’interesse da parte di Microsoft nello spingere gli utenti ad effettuare l’aggiornamento a Windows 10. Scelta più che saggia data la longevità dei prodotti e la rapida evoluzione tecnologica. Di sicuro non c’è da lamentarsi: il supporto di questo sistema operativo, a conti fatti, sta durando ben 11 anni, un lasso di tempo più che sufficiente per considerare l’evoluzione tecnologica e non parlare di obsolescenza programmata.

Windows 7 fine supporto

La notifica che avvisa gli utenti circa la fine del supporto di Windows 7 non sarà particolarmente fastidiosa e cesserà ogni attività proprio nella data specificata da Microsoft, nel 2020. È ovviamente possibile selezionare il tasto “non ricordarmelo ancora” per fermare la notifica, ciò che però è importante da sapere riguarda la tempestività per gli utenti nell’avviare le pratiche d’aggiornamento acquistando una licenza di Windows 10 oppure comprando un nuovo PC (che contiene già il nuovo sistema operativo).

Nel frattempo, Windows 10 è stato installato su più di 800 milioni di dispositivi ed è quindi vicino al traguardo del miliardo, risultato che sarà sicuramente possibile grazie soprattutto agli utenti che decideranno di effettuare l’aggiornamento da Windows 7.

Insomma, come sempre non si tratta assolutamente di una notifica negativa: Windows 7 non smetterà di funzionare a partire dal 14 gennaio 2020, terminerà infatti soltanto il supporto dedicato a sicurezza e aggiornamenti. Qualora non l’aveste ancora fatto, vi consigliamo caldamente l’aggiornamento a Windows 10 (anche se avete Windows 8).

Per maggiori dettagli e informazioni potete visitare la pagina ufficiale del supporto di Microsoft.

Tags

Ricky Delli Paoli

Parlo italiano e inglese di giorno, russo di notte. Molti mi definiscono "creativo", io rispondo che sbagliano perché sono un creatino. Fotografo, riprendo (sia come "video" sia se sbagliate qualcosa), faccio Time Lapse, metto miei filmati su YouTube e racconto cose alla gente.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker