fbpx
News

Wordle arriva su Game Boy

Grazie ad un hacker, il gioco di parole arriva sulla console Nintendo

Nelle ultime settimane dilaga la Wordle-mania. È bastato poco affinchè il gioco di parole mandasse fuori di testa milioni di giocatori in tutto il mondo, tanto da convincere il New York Times ad acquisirlo. Ma non solo. Avendo riscosso così tanto successo, il gioco si è guadagnato anche decine di imitazioni ispirate a film e serie tv – come il celebre “Lordle of the Rings” -. Ed ora l’hacker Stacksmashing ha annunciato di essere riuscito a portare Wordle su Game Boy.

Wordle su Game Boy, il progetto dell’hacker Stacksmashing

Dopo aver trascorso tre lunghe ore ad armeggiare con materiali di ogni genere, l’hacker Stacksmashing è riuscito a creare una ROM di Wordle che può essere eseguita sul “vecchio” Game Boy di Nintendo. E nonostante risulti una novità incredibilmente interessante, l’hacker non è stato in grado di trasferirvi l’intero elenco delle parole di gioco, per via delle sue dimensioni limitate e delle capacità hardware. Per ovviare a questo problema, ha utilizzato un filtro per verificare se una parola inserita è una delle 8.000 parole inglesi più comunemente usate. In questo modo, è riuscito comunque a creare una versione di Wordle su Game Boy facilmente giocabile per gli utenti.

A parte questa piccola limitazione, il gioco è perfettamente funzionante anche sulla vecchia console Nintendo. Se volete provarlo, potete scaricare la ROM gratuita, che vi permetterà di giocare sia sul Game Boy originale sia con con Analogue Pocket, ammesso che riusciate a procurarvene uno. Se interessati, potete avere la vostra ROM direttamente da qui. A questo punto, quindi, non ci resta altro che augurarvi buon divertimento! In fondo, giocare a Wordle su Game Boy potrebbe essere una delle attività preferite degli appassionati di titoli e console vintage.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button