fbpx
vaccino coronavirus anika chebrolu

Una studentessa di 14 anni scopre una molecola che si lega al coronavirus
La texana Anika Chebrolu vince il 3M Young Scientist Challenge 2020 con un progetto davvero attuale


Fra le molte ricerche per un vaccino o un trattamento contro il coronavirus, la quattordicenne texana Anika Chebrolu ha fatto una scoperta che potrebbe essere molto importante. Usando la metodologia in silico, Anika ha scoperto una molecola in grado di legarsi selettivamente alla proteina spike di SARS-CoV-2, il virus responsabile della pademia di Covid-19. Questo le ha permesso di vincere la 3M Young Scientist Challenge.

Aspettando il vaccino, un passo avanti per il trattamento del coronavirus

Nella sua ricerca, Anika ha analizzato milioni di molecole per verificare le proprietà di somiglianza con i farmaci. Ma anche le proprietà ADMET e le affinità di legame con la proteina spike. Per farlo ha usato numerosi strumenti software. L’unica molecola con un’elevata attività farmacologica e biologica verso la proteina di SARS_CoV-2 è stata scelta come molecola principale per un potenziale farmaco per il trattamento. Questa molecola non sostituisce quindi un vaccino ma potrebbe essere la base per trattare il coronavirus. La ricerca farmacologica prevede però tempi lunghi. E questa scoperta non sostituisce l’importanza del distanziamento sociale.

Tra le sfide di una pandemia globale, l’educazione STEM di qualità per tutti è diventata un’esigenza ancora più urgente, e l’impegno di 3M a promuovere la prossima generazione di leader nel campo della scienza non è mai stato così forte”, ha dichiarato Denise Rutherford, Senior Vice President of Corporate Affairs di 3M.

I finalisti di 3M Young Scientist 2020
I finalisti di 3M Young Scientist 2020

Negli ultimi mesi ogni finalista di 3M Young Scientist Challenge ha lavorato con uno scienziato nel ruolo di mentore. Anika ha lavorato con la dottoressa Mahfuza Ali, scienziata di 3M e membro della Carlton Society.

Il resto del podio

Al secondo posto arriva Kyle Tianshi, che ha sviluppato un dispositivo portatile Total Suspended Solids (TSS) che rileva particelle invisibili nell’acqua per verificarne la qualità. Al terzo Laasya Acharya, che ha utilizzato una rete neurale per rilevare malattia attraverso l’analisi delle immagini.

La 3M Young Student Challenge integra la formazione di 3M e Discovery Education con Young Scientist LabUn invito ai ragazzi a pensare in modo creativo. E una bella dose di speranza per il futuro.

Offerta
Samsung Galaxy Tab S7, tablet Android con penna, WiFi, 3...
  • Geniale per lavorare, ottimo per giocare: con una frequenza di aggiornamento delle immagini di 120 Hertz è possibile...
  • Il tablet Samsung con batteria gigante: con la grande batteria da 8.000 mAh del Tab S7 e la funzione di ricarica super...
  • Molto più di un semplice tablet con penna: controlla il tuo tablet Android tramite il controllo gestibile con la...

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link