fbpx
a-piece-of-your-mind-kdrama-coreano

A Piece of Your Mind, rimanere è fondamentale – Perché guardarla?
Scopriamo insieme un nuovo kdrama in grado di farvi innamorare fin dalle prime note musicali


Perché guardarla è la rubrica di Tech Princess, a cura di Mattia Chiappani e Veronica Lorenzini, in cui troverete tutti i motivi per cui dovreste guardare o meno una determinata serie tv o, come in questo caso, un K-Drama. Il drama coreano prescelto della giornata è A Piece of Your Mind (Banui ban). Per vederlo potete accedere gratuitamente alla piattaforma streaming di Rakuten Viki.

A Piece of Your Mind: perché guardarla?

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle serie TV e dei K-Drama più belli degli ultimi anni. Come già sapete, o avete potuto notare, sono una grande fan del cinema asiatico e credo che più persone debbano imparare a conoscerlo. Una lingua differente e la presenza dei sottotitoli non devono impedirvi di scoprire alcune gemme preziose. Il mio compito, in quanto paladina della giustizia coreana (un po’ alla Sailor Moon ma senza i capelli biondi e una coperta ad avvolgermi), è quello di farvi conoscere tali gemme.

La trama

A Piece of Your Mind ci presenta due personaggi principali. Moon Ha Won è un programmatore AI e nel corso degli anni è riuscito a costruire la AH Company, un’importante azienda di AI. Ha Won è devoto al suo lavoro e tutti quelli che lo conoscono sanno che non prende mai alla leggera ciò che fa e spera che i suoi dipendenti facciano altrettanto.

Inoltre è un ragazzo molto gentile, razionale e che non si arrabbia mai, chissà come riesce sempre a mantenere la calma. Ha Won ha una strana visione dell’amore. La sua teoria però viene messa alla prova quando Han Seo Woo si addentra lentamente nel suo mondo.

Seo Woo, invece, lavora come ingegnere di registrazione di musica classica. La ragazza ha vissuto una vita difficile a causa della tragica morte dei suoi genitori. Nonostante le sue difficoltà, Seo Woo è riuscita a mantenere una mentalità aperta e ottimista, credendo che tutte le cose accadano per un motivo.

Percorrendo la strada che la vita le ha tracciato, Seo Woo si ritrova presto ad incontrare Ha Won. Quando le loro strade si incrociano, entrambi scoprono che a volte due metà diverse possono, in realtà, essere compatibili come non mai.

A Piece of Your Mind può sembrare uno dei soliti K-Drama ma, in realtà, non lo è. O meglio, lo è ma non completamente. Siete confusi? Tranquilli, lo ero anche io all’inizio. Mettetevi comodi perché sono qui per spiegarvi per quale motivo non potete assolutamente perdere questa serie TV composta da 12 episodi della durata di un’ora e un quarto.

A Piece of Your Mind, una storia inconsueta

piece-of-your-mind-tech-princessMi conoscete e sapete che una volta al mese mi metto davanti al PC, con il telefono in mano, e aggiungo almeno una decina di nuovi K-Drama alla mia lista di “serie da vedere”. Tra Netflix e Rakuten Viki, ho a disposizione così tanto materiale che a volte è quasi impossibile scegliere cosa vedere.

Per questo motivo ne scelgo tre totalmente a caso, tra quelle che ho in lista. Guardo i trailer e quello che mi ispira di più, in quel preciso istante, è il vincitore.

In A Piece of Your Mind è presente Jung Hae In, il mio attore preferito in assoluto quindi la scelta è stata piuttosto semplice. Se dovessi descrivere questa coppia con una parola direi insolita, non convenzionale.

La trama si svolge in modo insolito, diverso rispetto agli altri K-Drama visti fino ad ora. A Piece of Your Mind è differente e lo si sente fin da subito. Sappiamo però che questo viaggio, in un modo o nell’altro, sarà più che speciale.

Per la prima volta in assoluto – almeno nella mia carriera di spettatrice – il protagonista maschile non è innamorato della protagonista. Ha Won, come abbiamo detto, è un programmatore e il suo ultimo progetto è un piccolo dispositivo portatile che sembra essere un’estensione della sua memoria e delle sue emozioni, anche se all’inizio i dettagli a nostra disposizione saranno pochi.

Nei primi minuti dell’episodio scopriamo che Ha Won ama Kim Ji Soo da quando erano piccoli. I due però, non parlano da dieci anni e lei è sposata con un altro.

Credetemi, questa cosa mi ha completamente spiazzata. Sentivo però che c’era qualcosa di diverso, specialmente perché poi ci presentano Seo Woo. Una ragazza dolcissima con una passione per la musica che va oltre ogni cosa, positiva e allegra in ogni momento.

Dal trailer si nota la presenza di un’altra donna, quindi quando ho visto Ji Soo ero sorpresa ma nemmeno troppo.

Alla fine però mi son detta: “Di certo c’è il barbatrucco. Ha Won e Seo Woo sono troppo diversi, non hanno nulla in comune quindi magari vogliono farmi credere che questa sia la coppia principale quando, in realtà, lui tornerà con Ji Soo. Perfetto, è tutto chiaro.”

Avevo ragione o torto marcio?

“Ho bisogno di te, Seo Woo. Ti prego, rimani.”

A-piece-of-your-mind-kdrama-tech-princess

La trama, lo abbiamo già detto, è insolita, un po’ come Ha Won e Seo Woo. Nel primo episodio veniamo letteralmente bombardati da molte informazioni ma tutte poco chiare. Tutte queste informazioni, però, non riguardano i nostri personaggi. Conosciamo bene il dispositivo che sta costruendo Ha Won, il suo lavoro e quello di Seo Woo ma di loro, almeno all’inizio, non sappiamo nulla.

Di solito i K-Drama ci presentano subito i personaggi e noi siamo abituati a sapere molto di loro, o quasi. A Piece of Your Mind invece ci nasconde il loro io interiore e ce lo mostra solo più avanti, quando meno ce lo aspettiamo e in modo delicato, lento. Un aspetto davvero interessante e che mi ha lasciata a bocca aperta è l’argomento empatia.

Sapete quanto sia semplice, la maggior parte delle volte, empatizzare con i personaggi fin da subito: qui, non è stato così. Ad esempio, io ho avuto difficoltà, molta. I personaggi all’interno del K-Drama erano tutti ambigui, era quasi come se si stessero nascondendo. Più avanti però, circa a metà stagione, il legame profondo che ho stretto con loro – e spero stringerete anche voi – si è mostrato ed era più vivo che mai.

In realtà io li stavo conoscendo, stavo empatizzando con loro, solo che non me ne sono resa conto. Non è semplice da spiegare. Si tratta di un processo lento e piuttosto profondo che permette allo sceneggiatore di aiutare, quasi, lo spettatore a sentirsi vicino ai personaggi.

Un altro elemento che mi ha permesso di apprezzare alla follia questo K-Drama sono le conversazioni, ciò che i personaggi si dicono nel corso della stagione, i loro pensieri più intimi. Li ho trovati reali, per nulla finti e più volte li ho sentiti miei, come se io stessa avessi pronunciato quelle parole.

I coreani rendono tutto molto poetico e guardare A Piece of Your Mind è come leggere un libro di poesie.

Una colonna sonora avvolgente e magica

a-piece-of-your-mind-perché-guardarla-tech-princess

Un elemento che non può assolutamente mancare e che noto subito, in modo molto puntiglioso, è la colonna sonora. Credo sia la chiave di tutto e A Piece of Your Mind possiede una delle OST (original soundtrack) migliori che abbia mai ascoltato.

La maggior parte delle canzoni sono strumentali: pianoforte, violino, molto delicate ma allo stesso tempo avvolgenti, potenti. Si viene completamente avvolti da queste melodie uniche e magiche. Sembra quasi di adagiarsi delicatamente su una nuvola e di essere cullati, canzone dopo canzone.

Tutto ciò si unisce ad una fotografia azzeccata, che ci fa vivere all’interno della serie TV con un semplice sguardo.

Ogni personaggio rappresenta una o più canzoni e grazie ad essere, paradossalmente, riusciamo a conoscerli. È strano, in un certo senso: ascoltiamo la canzone, ce ne innamoriamo e sembra finire lì. In realtà ci sta aiutando a comprendere al meglio la storia, ciò che provano i personaggi, ogni singolo dettaglio che magari sfugge all’occhio umano.

Sarò strana ma quando trovo la colonna sonora perfetta, mi ci immergo completamente. Chiudo gli occhi ed è come se questi personaggi non fossero finti, ma reali. Le loro personalità sono così vere che diventa complicato, in un certo senso, ricordare che si tratta “solo” di una serie TV.

A Piece of Your Mind è una storia che va vissuta. Occhi, orecchie, mente e cuore sono proiettati all’interno di questo racconto diverso dal solito, inconsueto e nuovo.

Quindi, perché guardare la serie A Piece of Your Mind?

kdrama-tech-princess

Riuscire a spiegare a 360° questa serie TV non è facile. Si tratta di un prodotto davvero profondo, che scava nei sentimenti umani e fa il possibile per svelarceli. Non sempre è facile sapere cosa pensa una persona o perché, questo K-Drama ce lo fa capire molto bene.

Non si tratta della tipica coppia che vediamo nelle serie TV. Il loro percorso è diverso, difficile e davanti a sé ha un ostacolo insormontabile, quasi. A Piece of Your Mind ci mostra un altro lato delle storie d’amore, uno che difficilmente viene messo sullo schermo – almeno da quanto ho potuto constatare nel corso di questi anni.

I personaggi sono ambigui, riservati e impieghiamo più tempo del previso nel conoscerli e capire cosa gli passa per la testa. La trama anche è complicata, seppur intrigante. La profondità che raggiungono alcuni episodi è difficile da sostenere ma con questa colonna sonora, una tra le migliori in circolazione, tutto ci sembra improvvisamente più semplice.

Questo è un drama coreano diverso dal solito e lo si può notare fin da subito, dai primi secondi, da quando compaiono i nostri personaggi sullo schermo. Nonostante tutto, però, è un viaggio che almeno una volta nella vita dobbiamo fare, è una storia che dobbiamo ascoltare – mi raccomando, ascoltare e non sentire.

Altre serie TV da guardare: i nostri consigli

Per altri suggerimenti sulle migliori serie TV e k-drama da guardare, date un’occhiata al resto della nostra rubrica Perché Guardarla: troverete una raccolta di tutti gli articoli già pubblicati. 


Veronica Ronnie Lorenzini
Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.