fbpx
AttualitàCulturaNews

La California espande la causa contro Activision Blizzard

Nuovi problemi in casa Activision Blizzard

La California ha ampliato la sua causa anti-discriminazione contro Activision Blizzard, aggiungendo lavoratori temporanei alle impiegate a tempo pieno per conto delle quali sta facendo causa. Il Dipartimento statale di Fair Employment & Housing sostiene anche che il produttore di giochi abbia interferito con la sua indagine.

Activision Blizzard: la California espande la causa

Activision-Blizzard-Esport licenziamenti

Una copia esaminata da Axios menziona specificamente che le protezioni della California contro le molestie, la parità di retribuzione e altre protezioni delle pari opportunità di impiego “esistono per i dipendenti e i lavoratori contingenti o temporanei”.

In tutta la causa, la parola “dipendenti” è stata cambiata in “lavoratori” in riferimento alle molestie e ad altre accuse. Il DFEH dice anche che Activision Blizzard ha ostacolato i suoi sforzi attraverso NDA, richiedendo ai dipendenti di parlare con l’azienda prima di contattare il DFEH.

La causa sostiene che questo “interferisce direttamente” con la capacità del DFEH di “indagare, perseguire e porre rimedio alle violazioni di discriminazione e molestie sul posto di lavoro“.

Sostiene, in parte, che “i documenti relativi alle indagini e alle denunce sono stati distrutti dal personale delle risorse umane” in violazione di quello che afferma essere l’obbligo legale della società di gioco di conservarli in attesa dell’indagine.

Un portavoce di Activision Blizzard ha detto ad Axios che l’azienda ha “rispettato ogni richiesta corretta a sostegno della sua revisione. Abbiamo anche attuato riforme per garantire che i nostri luoghi di lavoro siano accoglienti e sicuri per ogni dipendente”.

“Per quanto riguarda le affermazioni che abbiamo distrutto le informazioni distruggendo i documenti, queste affermazioni non sono vere. Abbiamo preso misure appropriate per preservare le informazioni rilevanti per l’indagine del DFEH“, ha aggiunto il portavoce. “Abbiamo fornito al DFEH la chiara prova che non abbiamo disparità di retribuzione o promozione di genere. La nostra leadership senior è sempre più diversificata, con un numero crescente di donne in ruoli chiave di leadership in tutta l’azienda”.

Le dichiarazioni dei lavoratori

Le storie condivise con Axios dalla ABK Workers Alliance, dipingono un quadro di brutali straordinari abbinati a una scarsa retribuzione.

“Come dipendente a contratto, sento che c’è molta pressione per eccellere, impressionare e avanzare nei ranghi il più velocemente possibile prima che il tuo contratto finisca e tu sia costretto a stare 3 mesi senza reddito o a trovare un altro lavoro”, ha detto un lavoratore. “Sono orgoglioso di quello che faccio, ma mi sembra che non sia mai abbastanza.”

“Soffriamo di stress”, ha detto un altro lavoratore. “Soffriamo di disturbi fisici. Siamo sovraccarichi di lavoro e sottopagati su tutta la linea”.

Source
Axios

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button