fbpx
AttualitàCulturaNews

Activision Blizzard: licenziati i dipendenti colpevoli di molestie

L'azienda ha rifiutato di rivelare i nomi dei dipendenti licenziati

Activision Blizzard, l’azienda di videogiochi che sta vivendo una particolare crisi, ha recentemente licenziato 20 dipendenti per accuse di molestie. La notizia è stata riferita dal Financial Times, citando una lettera inviata al personale. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

I dipendenti di Activision Blizzard licenziati per molestie

Secondo il rapporto, il produttore di videogiochi espanderà anche il suo team di etica e conformità, incaricato di creare un “luogo di lavoro più responsabile”. Dopo le recenti segnalazioni di cattiva condotta sessuale dilagante e la discriminazione sul posto di lavoro, l’azienda ora è costretta a prendere dei provvedimenti.

All’inizio di settembre, Activision Blizzard e la US Equal Employment Opportunity Commission hanno affermato di aver raggiunto un accordo per risolvere i reclami sull’ambiente di lavoro della società. L’EEOC, che ha indagato per tre anni sulle accuse di molestie sessuali, discriminazione e ritorsioni ad Activision, ha scoperto che l’azienda non ha preso misure correttive e preventive sulle denunce di molestie sessuali.

L’azienda ha anche detto il mese scorso che stava continuando a lavorare con i regolatori per affrontare e risolvere le denunce sul posto di lavoro che ha ricevuto.

Alla fine di luglio, l’agenzia per i diritti civili della California ha citato in giudizio l’azienda. Activision Blizzard è stata accusata di discriminazione di genere e molestie sessuali. La causa ha accusato l’azienda multimiliardaria di violare i diritti civili dello stato e le leggi sulla parità di retribuzione.

Inoltre ha dipinto un quadro inquietante della vita per le dipendenti donne, comprese le denunce di molestie sessuali diffuse, discriminazione di genere, ritorsioni e una cultura del posto di lavoro “da confratello”.

Le rivelazioni hanno spinto a fare i conti sul sessismo nell’industria dei videogiochi. Molti dipendenti hanno organizzato uno sciopero durante l’estate e migliaia di persone hanno firmato una petizione chiedendo una risposta allo scandalo.

L’azienda ha rifiutato di nominare gli individui licenziati.

Nella lettera inviata al personale, la società si è impegnata ad agire con “una rinnovata urgenza” e “guadagnare la fiducia del nostro team che, quando parlano, saranno ascoltati”, ha riferito il FT. La produzione di Activision Blizzard include giochi popolari come Candy Crush, Call of Duty, Overwatch e World of Warcraft.

Source
The Guardian

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button