fbpx

Android giunge alla sua decima versione, versione al momento battezzata Android Q in attesa del nome ufficiale che verosimilmente scopriremo nel corso dell’estate. Ma cosa c’è di nuovo? Cosa cambia per gli utenti? In realtà molte novità le avevamo già viste con la beta ma in arrivo c’è molto altro. A svelarlo è stato proprio il colosso americano durante il Google I/O 2019.

5G, pieghevoli e Dark Theme

Il 2019 è l’anno del 5G: stanno arrivando i primi device, sono state abilitate le prime reti e in Europa iniziano a spuntare i primi piani tariffari. Non poteva quindi mancare il supporto ufficiale da parte di Google.

Un discorso analogo lo possiamo fare per i dispositivi pieghevoli. Android Q quindi dovrebbe sposarsi perfettamente con i nuovi foldable, a partire probabilmente dai già annunciati Samsung Galaxy Fold e Huawei Mate X.

Grande attesa poi per il Dark Theme, il tema scuro tanto richiesto dagli utenti. Per attivarlo basterà un semplice tap.

Vicini alle esigenze degli utenti

In arrivo anche tante funzionalità pensate per aiutare gli utenti nella quotidianità. Si parte da Live Caption, che permetterà di generare automaticamente i sottotitoli per qualsiasi contenuto video. Una funzione che non solo tornerà utile a coloro che vogliono guardare un video in metro senza disturbare tutti gli altri passeggeri, ma soprattutto ai non udenti. Per utilizzarla per altro non serve una connessione: Live Caption infatti sfrutta un modello vocale accessibile anche offline.

Prossimamente vedremo anche Live Relay, una funzione simile che viene però applicata alle telefonate. Insomma, il vostro smartphone sarà in grado di sottotitolare la conversazione e poi farvi rispondere utilizzando la tastiera.

Naturalmente non si parla solo di accessibilità, ma anche di Smart Reply, per rispondere rapidamente ai messaggi usando testi ed emoji predefinite, e di Suggested Actions, quindi azioni contestuali che dovrebbero velocizzare le diverse operazioni.

Grande attenzione poi alla privacy, con un nuovo menù dedicato, e al Benessere Digitale che ora si arricchisce di due nuove funzionalità: il Parental Control e la Focus Mode. Il primo vi permette di monitorare cosa fanno i vostri figli con lo smartphone e di imporre dei limiti giornalieri, mentre la seconda è pensata per ridurre la distrazione mutando tutte quelle app che possono distogliarvi dal lavoro. Quest’ultima funzione però non è esclusiva di Android Q: in autunno la vedremo anche su Pie.


Like it? Share with your friends!

What's Your Reaction?

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.