fbpx
Animal Crossing motivi per acquistarlo

Perché non farsi sfuggire Animal Crossing?
Abbiamo elencato i 5 più importanti motivi per cui avere tra le mani Animal Crossing


Da quando ha fatto il suo debutto, non si fa altro che parlare di Animal Crossing: New Horizons. Chi lo elogia, chi lo infama, ma tutti ne parlano.

Difficile che non ne abbiate sentito parlare, ma, nel caso in cui non lo conosciate, facciamo una breve introduzione.
Come spiegato nella nostra recensione si tratta di un simulatore di vita, rilassante e completo. La personalizzazione è estrema. Potremo creare l’avatar a nostra immagine e somiglianza. Nulla ci frenerà, se non la nostra mente. Noi avremo il comando, saremo artefici del nostro gioco. Sceglieremo come, con chi, quanto e quando giocare. Senza vincoli.

La cosa bella di Animal Crossing è proprio avere il controllo. Ma perché dovreste comprarlo? Abbiamo deciso di darvi cinque validi, anzi no, validissimi motivi per fare vostro il gioco di casa Nintendo. Scopriamoli!

1 – Finalmente possiamo mettere via lo stress

Il primo vero grande motivo per giocare ad Animal Crossing è sicuramente il relax.
Finalmente lo abbiamo trovato. Eccolo, quel gioco tranquillo, dove non bisogna sparare, correre e saltare ovunque. Dove non è l’azione a fare da padrona. In cui non abbiamo quell’ansia di incontrare un avversario nascosto dietro l’angolino o dove non bisogna accovacciarsi, quatti quatti, per superare i nemici appostati. Dove non comparirà qualche mostro a terrificarci nel buio. Basta joypad lanciati per aria, basta mouse percossi. Il tempo è finito. Addio ansia e benvenuto relax!

Perché lo sappiamo, Animal Crossing è quel gioco tranquillo. Insomma, è quel titolo dove non hai fretta di fare le cose. Eppure, passi le prime 24 ore dopo averlo comprato a strappare tutte le erbacce, raccogliere tutti i frutti, rompere tutte le rocce, raccogliere tutti i rami.
Dove corri per accumulare tutte le miglia possibili per andare nelle isole alla ricerca del tuo Villager preferito che puntualmente non si trova mai. Però compare, lì nel campeggio, quando ormai hai dieci abitanti e nessuno ha neanche la più remota intenzione di andarsene.

Animal Crossing è quel gioco che non ti costringe a lavorare. Eppure, sei lì, tutti i giorni a pescare e vendere. A catturare insetti e vendere. A raccogliere conchiglie e? Vendere, ovviamente! Perché non sei attaccato ai soldi, però il mutuo vuoi mica lasciarlo lì. No dai almeno la casa paghiamola.
Poi, la seconda camera non la vuoi? Insomma, bagno, cucina, camera da letto, salone e perché no, sala giochi? Così in meno di due giorni ti ritrovi con una casa che neanche Mark Zuckerberg… e 6 milioni di debiti!Animal crossing 5 stelle

2 – Animal Crossing ha risvegliato la mia cleptomania

Animal Crossing è quel gioco che ti permette di avere la personalizzazione più vasta in assoluto. Puoi veramente essere chi vuoi. Ci sono migliaia di oggetti, per tutti i gusti.
Non solo mobili per arredare casa ed esterni, ma anche vestiti, divise, recinzioni. L’unico freno è la nostra immaginazione. Potremo veramente realizzare qualunque cosa, indossando qualunque abito.

Con un po’ di tempo e pazienza sarà possibile avere di tutto. Davvero ogni così. E così che quindi inizi a catalogare ogni oggetto. Vedi un post su Facebook: “Ho un tavolo da biliardo, lascio catalogare”. Tu non hai mai giocato a biliardo, non sai neanche di che colore sia il tappetino, se i tuoi amici vanno a giocare tu non esci. Eppure, eccolo lì, mezzo secondo dopo la pubblicazione sei lì, sotto quel post, “Lo voglio. Ma come, pensaci bene, che te ne fai? “Lo voglio”. Lo cataloghi e lo compri e il giorno dopo è lì, in magazzino e ci rimarrà per sempre.

Animal Crossing è quel mondo dove puoi essere chi vuoi. Ma dove non hai la necessità di avere sempre il look giusto, insomma è un’isola deserta. I tuoi Villagers sono animali, potranno mica giudicare male il tuo vestiario? Questo però non ti importa. Non appena Ago e Filo aprirà, tu sarai lì, al varco, pronto con le stelline in mano.

Lo scruti da lontano, in vetrina, è proprio lui, il vestito da Hot Dog. È orribile, perché mai dovresti volere un vestito da Hot Dog? “Lo compro”. E così penserai di aver già buttato via le tue stelline a sufficienza e invece no. Mentre scorri i vestiti trovi tutto quello che vorresti: occhiali di carta 3D, cappello gelato, il maglione che tuo nonno indossava negli anni ’50, la cuffia da neonato, il cappello a palloncino, la corona. “Fanno 2.280.345 stelline”. “Li compro, tutti”.
Così finisce che hai comprato tutti i vestiti di Ago e Filo, che non metterai mai. Però, se qualcuno volesse dare una festa in stile American Pie, tu saresti di sicuro preparato.

Offerta
Animal Crossing: New Horizons
  • Se il caos e la frenesia della vita di tutti i giorni ti hanno stufato, tom nook ha appena creato una proposta su misura...
  • Preparati a mollare tutto e creare una nuova comunità sulla tua isola deserta personale.; non hai sempre desiderato un...
  • Rimboccati le maniche e inizia a collezionare preziose risorse per costruire tutto ciò che ti potrà servire, dagli...

3 – Tu sei il Re indiscusso della tua isola

Una volta raggiunte le tre stelle inizia il vero passo importante. La vera vita della tua isola. La tua piena espressione di potere. Finalmente si sblocca il Terraforming. Questo non è altro che un sistema che ci consente di rimodellare completamente l’isola. Togliere i corsi d’acqua indesiderati, creare alture, modificare tutta la conformazione. Con l’aiuto di Tom Nook, inoltre, potremo spostare tutti gli edifici per farli combaciare con la nostra idea di isola perfetta.

Pala in mano, caschetto in testa e via! Pronti alla costruzione. Ed è proprio in quel momento che realizzi che forse, se non hai fatto architettura, un motivo c’era. Perché tu parti a togliere i fiumi, i laghi, a costruire i monti, e poi? E poi ti ritrovi a mettere il museo su un’altura immensa che non sai come raggiungere. Lì però arriva la tua idea geniale, le rampe. Ti rechi da Nook, sigli con il sangue il nuovo prestito e prendi il kit.
Tutto fiero ritorni davanti al museo e “non c’è abbastanza spazio per mettere una rampa”. La tua espressione cambia un po’, l’occhio sinistro si chiude leggermente, ma non ti arrendi. Ormai il prestito lo hai fatto. Non lascerai vincere un procione.

Quindi riapri la tua app, crei maggiore terreno. Ci sei, ce l’hai fatta. Piazzi la rampa e… Non è allineata all’ingresso principale. Ci provi e riprovi. Ore e ore e ore. Notti insonne, per poi capire che non potrà mai allinearsi un blocco pari con uno dispari. Così, insoddisfatto, sposti di nuovo il museo e perdi le speranze.
Ma la notte porta consiglio si dice. Così alle 3 del mattino ti viene l’idea geniale. Mettere due rampe ai lati. Torni da Nook e chiedi un altro prestito e finalmente hai il tuo museo ricco di cascate!

4 – Animal Crossing ci regala tanti momenti di bella collaborazione

Una delle regole fondamentali è la collaborazione. Nintendo assicura che Animal Crossing sia perfetto per essere giocato con la formula “dare e avere”. Per questo motivo inizi aggiungendo il tuo migliore amico. I primi giorni sono perfetti, scambi schemi, fiori, frutti.
Poi arrivano le rape. La prima settimana il tuo amico ha il prezzo migliore, le compri da lui. Il mercoledì tu hai il prezzo più alto e lui le vende da te.
Il tempo scorre e piano piano iniziate ad essere più sfortunati. Così capite che servono più amici. Ti iscrivi a qualche gruppo, provi ad entrare in qualche altra isola e ti va bene. Vendi le tue rape a 600 stelline, folle!

La settimana dopo è il tuo turno, la tua isola ha il prezzo più alto e, generoso, offri a tutti l’ingresso gratuito, anche se tu hai pagato 30 ticket nook e un rene.
Tutti si mettono in coda e chiedono di entrare. Anche se scrivi che farai entrare uno per volta, loro sono impazienti. Ricevi mille messaggi privati. Ci pensi bene, la tua connessione è stabile, puoi far entrare più di uno, e così, apri il gate a più persone.

No per favore, non correre sui fiori”. “Scusa potresti uscire dalla mia isola, aspetto gente”. “Per favore, trovate Celeste sulla destra. Non correte.” “I fiori, ragazzi, state attenti!” “Il negozio è a sinistra”. “Un solo giro per le rape. Per favore, i fiori.” “Usate l’aeroporto per uscire o salta tutto”. La connessione alla console è stata interrotta.

5 – Animal Crossing accorcia le distanze

Abbiamo voluto scherzare un po’, esponendo i principali motivi in chiave ironica, ma crediamo che vada fatta menzione anche a qualcosa di più significativo. Spesso infatti non ci rendiamo conto delle potenzialità, ma i giochi riescono laddove tante altre cose falliscono. Proprio adesso che siamo bloccati nelle nostre abitazioni, possiamo percepirlo meglio. La distanza è un muro difficile da valicare.
Che si tratti di un’eccezione, come in questo caso, o di un’abitudine dettata dal lavoro, spesso siamo costretti a stare lontani dalla persona che amiamo, dai nostri cari, dai nostri amici. I giochi sono da sempre quel modo che abbiamo per sentirci meno soli in queste circostanze. Animal Crossing non è un’eccezione, anzi è perfetto.

Quindi abbiamo voluto dedicare quest’ultimo punto proprio alla distanza. Se la realtà non ce lo permette, Animal Crossing ci darà ancora modo di portare fuori a cena la nostra dolce metà. Passare la notte osservando le stelle insieme, esprimendo desideri. Potremo andare a pescare in coppia, fare delle passeggiate tra i boschi, osservare la natura. Stenderci e fare picnic sulla spiaggia, sentendo il rumore delle onde.

Potremo fare tanti regali e “vivere” insieme tante avventure. Se avete una persona cara, se avete degli amici lontani, questo è proprio il gioco che fa per voi, per sentirsi sempre vicini, anche quando non è possibile.
O per capire quanto valga una relazione. “Amore, per favore compriamo Animal Crossing, cosí, anche se siamo nei due lati opposti del mondo possiamo vederci”. Così finisce che, quattro settimane dopo, tu hai un prestito da 6 milioni di stelline, hai costruito una terrazza per fare una cena romantica, hai comprato un costosissimo anello e lei? Beh, lei ha smesso di giocarci tre settimane fa.

Animal CrossingAlla fine della fiera, nonostante quanto ironizzato, siamo davvero convinti che valga la pena avere Animal Crossing. Certo, non è un gioco per tutti, in tanti lo troveranno noioso, ripetitivo. Vero, le azioni da fare possono essere ripetitive, ma non lo è anche sparare ogni giorno. Eppure, io stessa, ci passo ore e ore. Il titolo di casa Nintendo regala momenti simpatici, emozionanti. La personalizzazione è tantissima e potremo creare la casa dei nostri sogni, anche solo dedicandoci poche ore al giorno.

Pezzo per pezzo, senza fretta, senza regole, saremo noi gli artefici della nostra creazione.

Offerta
Animal Crossing: New Horizons
  • Se il caos e la frenesia della vita di tutti i giorni ti hanno stufato, tom nook ha appena creato una proposta su misura...
  • Preparati a mollare tutto e creare una nuova comunità sulla tua isola deserta personale.; non hai sempre desiderato un...
  • Rimboccati le maniche e inizia a collezionare preziose risorse per costruire tutto ciò che ti potrà servire, dagli...

Giulia Garassino

Ingegnere Aerospaziale da sempre amante di videogiochi e tecnologia. Cresciuta con Crash Bandicoot, Spyro e Metal Slug. Competitiva sugli FPS, non si lascia scappare platform, hack & slash e GDR. Il mio titolo preferito? Nier Automata. Il gioco su cui ho speso più ore? Battlefield, che domande! Eppure, una grandissima fetta del mio cuore è occupata da Fable, amore di vecchia data. Dimenticavo, ho provato così tante tastiere che, a occhi chiusi, potrei dirvi che switch montano!