fbpx
NewsTech

Apple vieta il ritorno di Parler sull’App Store

Il social network molto controverso non potrà tornare finché non rispetterà le rigide regole di Apple

Parler, il social media che ha fatto molto parlare di sé nell’ultimo periodo, non potrà tornare nell’App Store. Secondo Apple, le linee guida di Parler non rispettano le regole dello store di applicazioni, ma ha lasciato aperta la possibilità di riabilitare l’app in futuro.

Le linee guida di Parler non rispettano le regole dell’App Store

Parler, il social network che si rivolge ai conservatori, sostenitori di Trump e vari altri fanatici di destra, si è sempre bollato come un sito senza censura che avrebbe rimosso solo post illegali e da parte di troll. Come prevedibile, è stato teatro di minacce di morte e altre forme di violenza contro i Democratici, di diatribe razziste e teorie del complotto a favore di Trump.

Il social network è stato successivamente escluso da Amazon che hostava il sito e dai rispettivi store di applicazioni, quindi App Store e Google Play Store, dopo che numerosi utenti di Parler hanno partecipato alla rivolta pro-Trump al Campidoglio. Parler è rimasto offline per settimane, tornando solo alla fine del mese scorso con la promessa di una migliore moderazione.

App Store Social Media Parler
Photo Credits: dole777

Apple però il 25 febbraio ha respinto l’appello in cui il social network chiedeva di tornare nell’App Store. Secondo quanto riferito da Bloomberg, lo staff Apple ha scritto una lettera a Parler dove spiega che l’applicazione non ha apportato modifiche significative alla moderazione ed è considerata invasa da contenuti “di odio, razzisti e discriminatori”.

L’azienda di Cupertino ha lasciato aperta la possibilità di un futuro ritorno di Parler sull’App Store, nel caso in cui rispettasse davvero le linee guida. Ma ha lasciato intendere che il social network è molto lontano dal rispettare queste regole. Inoltre, sempre secondo Bloomberg, sembra che Parler abbia licenziato i tre sviluppatori iOS che aveva ancora nello staff, dimostrando che forse l’app ha rinunciato al suo ritorno su iOS.

Source
Gizmodo

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button