fbpx
NewsTech

Apple vince la guerra sulla privacy in Cina: bandito il CAID dall’App Store

Il colosso di Cupertino non si è lasciato intimidire dalle pressioni

Apple è appena riuscita a sventare il tentativo della Cina, con TikTok e altre App, di aggirare le norme sulla privacy dell’Apple Store. Il gruppo tecnologico guidato da Tencent, Baidu e ByteDance aveva creato un nuovo metodo di tracciamento pubblicitario per iPhone chiamato CAID, rifiutando il sistema proprietario di Apple, chiamato IDFA.

Apple vince la battaglia sulla privacy in Cina

Apple ha progettato IDFA per essere uno strumento di protezione della privacy, dato che non rivela l’effettiva identità di un utente, ma solo un codice univoco assegnatogli. Tuttavia, la società ha successivamente deciso di portare questo tool ad un livello successivo, consentendo ai clienti di scegliere se essere tracciati o meno.

Questa funzione, chiamata App Tracking Transparency, gli sviluppatori devono ottenere l’autorizzazione dell’utente per accedere a IDFA e soltanto il 4% degli americani sceglie di farlo e il tasso di adesione globale è solo del 12%.

Apple privacy Cina

I giganti della tecnologia cinese hanno tentato di aggirare questo problema passando invece a CAID: un ID pubblicitario cinese. Le regole di Apple vietano esplicitamente questo tipo di soluzione alternativa, ma i grandi sviluppatori scommettevano sul fatto che Apple avesse paura di vietare delle app popolari come TikTok, che avrebbero potuto limitare il fascino degli iPhone in Cina.

Apple, tuttavia, non si è lasciate intimidire dalla pressioni di queste grandi aziende, ed ha recentemente chiarito la sua posizione, rifiutandosi di aggiornare diverse applicazioni cinesi che includevano CAID negli aggiornamenti software nel suo App Store. Tencent e Baidu non hanno commentato la presa di posizione del colosso di Cupertino, ma è chiaro che ci troviamo di fronte ad una vittoria su tutta la linea da parte di Apple, che ha soffocato questa iniziativa sul nascere.

CAID intanto, grazie all’azione di Apple, ha perso il supporto della popolazione nella Cina continentale e gli analisti sono convinti che la sua popolarità sia destinata a colare a picco nei prossimi giorni, con il ritorno dei protocolli sulla privacy della compagnia di Cupertino.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button