fbpx
AttualitàCulturaTech

Apple accusata di falso marketing e frode sui problemi dei display MacBook M1

Apple sta affrontando una nuova causa collettiva negli Stati Uniti

Apple sta affrontando una nuova causa collettiva negli Stati Uniti che l’accusa di marketing falso o ingannevole per i MacBook Pro e MacBook Air alimentati da M1, pratiche commerciali fraudolente, cattiva condotta nel supporto clienti e violazione della legge sui consumatori. Scopriamo i dettagli.

La causa di Apple per i MacBook M1

macbook pro m1x appole-min

La causa rappresenta i clienti Apple in tutti gli Stati Uniti. I clienti, secondo la causa, hanno trovato difetti hardware nei loro Apple MacBook Pro ed Air M1.

Negli ultimi mesi, un numero significativo di clienti ha riferito che i display dei loro nuovi MacBook in silicone Apple si sono improvvisamente incrinati. Altri invece hanno rivelato che i loro display hanno mostrato linee nere orizzontali e verticali, rendendoli inutilizzabili. Come sostiene la causa, questi clienti hanno rivelato che le crepe e i malfunzionamenti sono causati da un difetto dell’hardware piuttosto che dall’utente stesso.

Mentre affronta queste lamentele, la causa cerca di gettare un’ombra più grande sul “marketing ingannevole” e le pratiche commerciali “fraudolente” di Apple. La causa accusa l’azienda di aver falsamente pubblicizzato i display da 13 pollici nei MacBook Pro ed Air come “premium in qualità, affidabilità e durata”.

Apple è accusata nella causa di ingannare intenzionalmente i clienti esaltando la qualità dei display nei MacBook Pro e MacBook Air. Secondo la causa, Apple si è impegnata in pratiche commerciali fraudolente. La causa sottolinea che i suoi “rigorosi test” dei display, prima del loro rilascio, avrebbero dovuto rendere evidente il presunto difetto. Nonostante ciò, l’azienda ha continuato a rilasciare il prodotto.

Nonostante questa consapevolezza, l’azienda non ha rivelato nulla e ha attivamente nascosto il difetto dello schermo al pubblico. Ha inoltre continuato a commercializzare e pubblicizzare i computer portatili come prodotti all’avanguardia, premium e durevoli, quando in realtà non è così.

“Per garantire la durata, abbiamo valutato il MacBook Air da 13 pollici nel nostro Reliability Testing Lab. Abbiamo utilizzato metodi di test rigorosi che simulano le esperienze dei clienti”, la causa cita Apple come ulteriore documentazione che la società era a conoscenza del difetto. L’azienda è stata “imprudente” nella sua mancata identificazione della debolezza, nota la causa.

Pur commercializzando fraudolentemente e falsamente i display come “premium, affidabili e durevoli”, la causa accusa Apple di una grave violazione del diritto dei consumatori. In particolare, la causa accusa Apple di aver violato il diritto dei consumatori rifiutando di riparare i display per i clienti, anche quando erano in garanzia.

Secondo la causa, Apple ha rifiutato di riparare i display in garanzia poiché l’azienda sosteneva che i danni erano causati dall’utente.

In alcuni casi, lasciare detriti tra il MacBook e il suo coperchio può causare danni. Tuttavia, la causa afferma che nessun cliente lo aveva fatto. Inoltre la natura diffusa del difetto dimostra ulteriormente che si tratta di un difetto di fabbricazione.

Un circolo vizioso

La causa evidenzia anche un punto valido. Per i clienti, indipendentemente dal fatto che le riparazioni siano state pagate di tasca propria o meno, l’unità display sostituita sarebbe anche, in teoria, difettosa. Di conseguenza, la causa accusa Apple di ulteriore cattiva condotta commerciale.

La causa accusa l’azienda di aver messo gli utenti in un ciclo infinito di display difettosi, che porta a costose riparazioni e poi “sostituzioni altrettanto difettose”.

Come risultato della cattiva condotta di Apple, i clienti sono stati danneggiati e hanno subito danni effettivi. I clienti hanno anche sostenuto, e continueranno a sostenere, costi e spese non rimborsate legate al difetto dello schermo.

Nella sua forma attuale, la causa non richiede danni o risarcimento monetario da Apple. Invece, chiede che Apple inverta la sua “falsa commercializzazione” della qualità e affidabilità dei suoi schermi MacBook, come descritto sopra. Inoltre si chiede che “corregga, ripari, sostituisca o rettifichi in altro modo [le sue] pratiche illegali, ingiuste, false e/o ingannevoli”.

La causa ha concesso ad Apple 30 giorni, a partire dal 30 agosto, per affrontare i clienti e il presunto difetto dello schermo. Al termine dei 30 giorni, se Apple non dovesse fare nulla, la causa andrà avanti per chiedere i danni alla società.

L’importo specifico dei danni che la causa sta cercando sarà identificato più tardi durante il processo richiesto dalla giuria. Tuttavia, i danni monetari collettivi dei clienti Apple che hanno sperimentato il suddetto difetto dello schermo sono più di 5 milioni di dollari.

Un portavoce dell’azienda ha rifiutato di commentare in merito alla causa.

Apple iPhone 12 Pro Max (256GB) - blu Pacifico
  • Display Super Retina XDR da 6,7"
  • Ceramic Shield, più duro di qualsiasi vetro per smartphone
  • 5G per download velocissimi e streaming ad alta qualità

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🤔iPad Pro M4 e iPad Air M2: le prime impressioni
 
⌚️HUAWEI WATCH FIT  3 è tutto ciò di cui avete bisogno
 
💉Attacco hacker a Synlab: come capire se i vostri dati sono finiti online
 
👀In futuro controllerai iPad e iPhone solo usando gli occhi
  
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui 
  
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
  
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
  
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
  
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
  
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Source
MacRumors

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button