fbpx
avatar Fortnite

L’avatar di Fortnite può acquisire le espressioni facciali degli utenti
Epic Games acquisisce una tecnologia per trasferire le espressioni facciali degli utenti ai loro avatar


In questi ultimi mesi Fortnite si è trasformato in un vero e proprio spazio virtuale dove poter trascorrere il tempo in compagnia dei propri amici (una buona soluzione al distanziamento sociale, no?!). È tutto bellissimo, ma c’è un piccolo difetto. Agli avatar mancano totalmente le espressioni facciali. Il che non è proprio entusiasmante in un contesto in cui si vuole comunicare con gli altri, seppur virtuale. Ma ora Epic Games sembra finalmente aver trovato la soluzione per i vostri avatar Fortnite. In questi giorni, la compagnia ha acquisito la società Hypersense, proprietaria di una tecnologia che permette agli utenti di trasferire le proprie espressioni facciali al personaggio di un videogioco attraverso la webcam. Un’idea tutt’altro che malvagia.

Avatar Fortnite: finalmente arrivano le espressioni facciali

Con la funzione “Party Royale” Fortnite è uscita dai limiti della semplice piattafora di gioco, diventando qualcosa di ben diverso. Uno spazio virtuale che ha ospitato concerti, trailer di film e persino discorsi sulla diversità di genere in America. La funzione ludica ha fatto spazio a quella sociale, diciamo così, ma senza snaturare in alcun modo la piattaforma. E in quest’ottica “social”, l’acquisizione della tecnologia di Hypersense non fa altro che portare Fortnite un passo più avanti di dove si trova ora.

Acquisire il team Hyprsense ci consente di […] avvicinarci all’obiettivo di dare a tutti i creator il pieno controllo sull’espressione della loro visione fino alla più piccola sfumatura“,. Così Kim Libreri, CTO di Epic Games, ha commentato la possibilità di trasferire le proprie espressioni facciali agli avatar Fortnite.

Avatar Fortnite Hypersense

Una funzione che inizialmente potrebbe essere introdotta soltanto per i creator, anche se non sappiamo con certezza quando sarà davvero disponibile. Ma quello che conta, piuttosto, è che sembra che dare ad un personaggio la possibilità di esprimersi sia di fondamentale importanza per il fururo “social” di Fortnite.


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.