fbpx
#NEXTGen logo BMW photo

BMW #NEXTGen: in commercio 25 veicoli fra elettrici e ibridi per il 2023


Monaco di Baviera – I piani di BMW per l’elettrificazione della sua flotta vanno a gonfie vele, tanto che la casa automobilistica sarà in grado di anticipare la sua promessa di portare su strada 25 veicoli elettrici ibridi per il 2025 di ben due anni, quindi nel 2023. L’annuncio, fatto in occasione del BMW #NEXTGen, è stato accompagnato da diverse altre novità riguardanti i veicoli ibridi, tra cui un sistema di rilevamento delle ZTL e unapp per guadagnare punti quando si guida con la propulsione elettrica.

Le dichiarazioni del Presidente di BMW al #NEXTGen

Stiamo scalando marcia nella nostra trasformazione verso forme di mobilità sostenibile, preparando in questo modo la nostra azienda al futuro. Negli ultimi due anni, abbiamo preso più e più volte numerose decisioni che ora stiamo portando su strada. Per il 2021, avremo raddoppiato le nostre vendite di veicoli elettrificati rispetto al 2019.” ha detto Harald Krüger, Presidente del Consiglio di Amministrazione di BMW AG al #NEXTGen “Offriremo 25 veicoli elettrificati già nel 2023 – due anni prima di quanto originariamente pianificato. Ci aspettiamo di vedere una crescita rapida per il 2025, con le vendite dei nostri veicoli elettrificati che dovrebbero crescere di circa il 30% ogni anno”

Harald Krüger BMW #Nextgen

Krüger aggiunge: “La nostra visione è chiara: mobilità sostenibile, prodotta in maniera sostenibile. Ci siamo posti l’obiettivo di comprare elettricità unicamente da fonti rinnovabili per tutti i nostri stabilimenti globali entro il 2020. Stiamo rispettando la nostra responsabilità sociale -in tutte le sue sfaccettature. Siamo fermamente a favore del [promuovere uno stile di guida] ad emissioni zeroAllo stesso tempo, manteniamo il nostro impegno aziendale nei confronti dei nostri impiegati, azionisti e investitori”

Efficienza e innovazione

Il segreto dietro questo rapido rinnovamento di BMW sta nei prodotti e nelle linee di montaggio modulari. La stessa carrozzeria può ospitare un motore termico, ibrido oppure elettrico, uscendo dalla stessa linea di produzione. Una flessibilità che permette alla compagnia di seguire i cambiamenti del mercato.

BMW ha fatto anche scelte apparentemente rischiose, come quella di non utilizzare elementi magnetici rari per i suoi motori elettrici. Una mossa che però, provenendo questi minerali dalla Cina ed essendo incerto il futuro dell’attuale guerra commerciale con gli USA, potrebbe alla fine rivelarsi vincente.

Nuove funzioni per le ibride

Entro il 2020, tutti i veicoli ibridi di BMW saranno dotati di un nuovo strumento, chiamato BMW eDrive Zones. Questo rileverà quanto la macchina si trova in una zona a traffico limitato dove sono vietati i veicoli a combustione, e si assicurerà che la macchina proceda utilizzando solamente la batteria. I test per questa funzione sono in corso nella città di Rotterdam, e probabilmente la vedremo per la prima volta sui modelli X5 e serie 3.

BMW eDrive Zones

Sempre per incoraggiare negli ibridi l’utilizzo del motore elettrico, BMW, all’interno della sua app, permetterà ai suoi clienti di raccogliere dei punti proporzionalmente al tempo di guida in modalità elettrica. Una volta raccolti abbastanza punti, questi si potranno scambiare per crediti ChargeNow e, in futuro, per crediti ParkNow, DriveNow e di altri servizi BMW.

[amazon_link asins=’B073H6KBSV,B00TZ2XIIU,B07P9Z3KK6′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’4bc08368-29d1-4d99-b23c-c33abead0099′]


Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link