fbpx
Tech

Bonus Mobili 2022: cos’è e come funziona

Come usufruire della detrazione del 50% sull'acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dopo tanta attesa, la legge di Bilancio 2022 ha finalmente confermato la proroga del Bonus Mobili, ossia il bonus del 50% destinato all’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Un incentivo di cui è possibile usufruire su un limite massimo di 10mila Euro di spesa, almeno per l’anno in corso. Nel 2023 e nel 2024, infatti, il tetto limite scenderà ai 5mila Euro, garantendo comunque discreti vantaggi a chi sceglie di usufruire del Bonus. Ma come funziona davvero? E come fare per richiederlo? Andiamolo a scoprire insieme.

Cos’è il Bonus Mobili 2022?

Prima ancora di capire come richiedere il Bonus Mobili 2022, è importante chiarire cos’è davvero. Come riferisce la denominazione stessa, si tratta di una detrazione Irpef del 50% sulla spesa totale destinata all’acquisto di mobili ed elettrodomestici di case in ristrutturazione. Come riferisce la legge di Bilancio, “la detrazione spetta a condizione che gli interventi di recupero del patrimonio edilizio siano iniziati a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto“. Questo significa che potrete usufruirne se i lavori di ristrutturazione della vostra casa sono precedenti all’1 Gennaio 2021, ma i vostri acquisti successivi a questa stessa data. Se così fosse, allora potrete usufruire del Bonus che vi permetterà di recuperare in ben 10 anni la metà della spesa fatta.

Chiaramente, per richiedere il Bonus Mobili sarà necessario dimostrare che la data di inizio dei lavori di ristrutturazione sia antecedente a quella richiesta. Eventuali abilitazioni amministrative, una comunicazione preventiva alla Asl o una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà potranno allora risultarvi utili per validare la data di inizio lavori. Infine, un altro dettaglio di cui tenere a mente è che un contribuente può richiedere il Bonus Mobili anche per più unità abitative. In questo caso, il limite massimo di spesa sarà da considerare per ogni singola abitazione ristrutturata, e non per il suo totale. A questo punto, chiarito in cosa consiste la detrazione, vediamo cosa è possibile acquistare usufruendo del Bonus stesso.

Quali mobili è possibile acquistare con il Bonus?

Anzitutto, è fondamentale considerare che è possibile usufruire della detrazione soltanto sull’acquisto di mobili nuovi. Tra questi rientrano armadi, cassettiere, comodini, divani, librerie, letti, scrivanie, sedie e via dicendo. Ma anche materassi e sistemi di illuminazione, assolutamente fondamentali nell’organizzazione di una casa in ristrutturazione. Inoltre, rientrano nel Bonus anche i grandi elettrodomestici, purchè rispettino alcune caratteristiche ben precise. I forni, ad esempio, non devono essere di una classe energetica inferiore alla A. Lavatrici, lavastoviglie e lavasciugatrici non inferiori alla classe E, mentre frigoriferi e congelatori non inferiori alla classe F.

Bonus Mobili 2022

A rimanere esclusi dal Bonus Mobili 2022, invece, sono pavimentazioni, tende, porte e altri complementi d’arredo. Così pure come i grandi elettrodomestici privi di etichetta energetica, a meno che per quella particolare categoria non ne sia richiesto l’obbligo. Al di là di questo, è importante anche tenere conto che sarà possibile accedere all’agevolazione soltanto nel caso in cui gli interventi di ristrutturazione siano di manutenzione straordinaria, come la sostituzione della caldaia o la costruzione di nuovi servizi igienici. Fanno eccezione, però, i lavori di manutenzione ordinaria sulle parti condominiali, che consentono ai condomini di accedere al Bonus soltanto per la propria quota di pagamento.

Come richiedere il Bonus

Una volta chiarito quali mobili ed elettrodomestici è possibile acquistare usufruendo del Bonus Mobili, è importante capire come usufruire della detrazione. Anzitutto, è necessario effettuare i pagamenti solo ed esclusivamente con bonifico o carta di debito/credito. Non sono quindi inclusi i pagamenti con contanti o assegni, ma sono ammessi gli acquisti con finanziamento a rate, ammesso che la società che eroga il finanziamento utilizzi uno dei due metodi di pagamento sopra descritti. In tal caso, il contribuente dovrà richiedere una copia della ricevuta di pagamento, da allegare alla documentazione necessaria per la richiesta. Non a caso, tra i documenti da presentare per richiedere il Bonus ci sono:

  • la ricevuta di pagamento (indipendemente dal sistema utilizzato)
  • le fatture di acquisto con indicazione della natura, della qualità e della quaintà dei beni acquistati
  • lo scontrino con il Codice Fiscale dell’acquirente, nel caso in cui non venga emessa fattura
  • comunicazione all’Enea, laddove necessaria.

Insomma, a questo punto avete tutta la situazione chiara sul Bonus Mobili 2022. Non vi resta altro che raccogliere tutti i documenti necessari e procedere con la richiesta, così da assicurarvi la detrazione di 5000 € per l’anno in corso.

Offerta
LG GSBV70PZTM Frigorifero Americano Side by Side Total No...
  • CARATTERISTICHE: Frigorifero Side by Side - Dimensioni LxAxP 91,3 x 179 x 73,5 cm - Capacità 655 L - Classe di...
  • NO FROST: Frigo a libera installazione con sistema di raffreddamento Total No Frost e colonna Multy Air Flow: assicura...
  • LINEAR COOLING: Il compressore Smart Inverter contribuisce a mantenere l'aspetto e il sapore dei prodotti freschi a...

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button