!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Chrome Password Checkup

Chrome ci dirà se le nostre password sono state violate


È in arrivo per Chrome una nuova funzionalità, probabilmente utile per quelli tra noi più ‘distratti’ quando si tratta di sicurezza informatica: Chrome ci avvertirà, infatti, nel caso una password che stiamo utilizzando sia stata di recente violata, permettendoci di cambiarla prontamente.

Chrome per la sicurezza delle nostre password

La funzione era in realtà disponibile all’interno dell’estensione Password Checkup, ma con il prossimo aggiornamento sarà invece disponibile di default per tutti gli utenti del popolare browser.

Il sistema dovrebbe funzionare in maniera simile a siti come HaveIBeenPwned.com, dove gli utenti possono controllare, inserendo la loro email, se il loro account è stato coinvolto in un qualche tipo di violazione dei dati avvenuta di recente. Ovviamente, però, essendo per Chrome il sistema automatico, sarà molto più probabile che le personse si interessino al problema, cambiando la loro password.

Chrome password sicurezza

Tra i consigli che possiamo invece darvi per quanto riguarda la sicurezza delle vostre password, vi ricordiamo innanzitutto di non utilizzare sequenze di caratteri o numeri consecutivi o ripetuti (00000, qwerty) o parole scontate come ‘password‘, il vostro nome o il nome del sito. Vi ricordiamo inoltre di non riutilizzare la stessa password, per quanto sicura, per più servizi: se infatti i cybercriminali riuscessero a metterci le mani sopra anche da solo uno dei siti, la proveranno, insieme al vostro indirizzoanche su altre piattaforme.

Per la lista di cose da fare, ricordiamo invece di attivare, dove possibile, l’autenticazione a due fattori (che rende necessario, oltre alla password, l’accesso fisico al vostro telefono o ad un dispositivo dedicato) e l’utilizzo di un password manager: quest’ultimo strumento vi permetterà, ricordando solo una password (mi raccomando, complicata), di non dover tenere a mente tutte le altre password (che quindi possono essere anche molto complesse o addirittura generate casualmente) pur avendole sempre a portata di mano.

[amazon_link asins=’B074N9LQZL,B07GXPF74J,B016LPIKS6′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’bc9cf0c0-1d03-4ea7-99c3-1c6946e6e6c5′]

Giovanni Natalini

Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link