fbpx
AttualitàCulturaNews

Il cloud nazionale prossimo alla realizzazione

Il Ministro Colao accellera sulla creazione di un Polo strategico nazionale

Il progetto del cloud nazionale, il polo dove dovrebbero confluire tutti le applicazione della Pubblica Amministrazione e i dati dei cittadini, potrebbe presto diventare realtà. Come già annunciato da Vittorio Colao, Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale del Governo Draghi, a Luglio dovrebbe partire la gara per selezionare il gestore del cloud. Una competizione per cui ci si aspetta la partecipazione di tutte le aziende italiane del settore.

Cloud nazionale: il Governo accelera sul progetto

Dobbiamo andare verso il cloud con la creazione del Polo strategico nazionale“, così ha commentato il Ministro Colao in occasione del Festival Internazionale dell’Economia a Trento. “Abbiamo il 93-95% dei server della Pubblica amministrazione non in condizioni si sicurezza. Qui nessuno è sicuro e non possiamo andare avanti così, abbiamo bisogno di cloud più sicuri perché i dati sensibili dei cittadini e quelli meno sensibili siano tenuti in sicurezza“. Insomma, l’esigenza del Governo è forte. E sembrerebbe proprio che il Ministro sia pronto a richiedere il supporto delle compagnie italiane di settore per la partecipazione al bando che sceglierà il gestore del cloud nazionale.

Dal canto loro, le società si sono già mosse per riuscire ad ottenerne la gestione. TIM, ad esempio, ha da poco siglato una partnership con Google. Leonardo, dopo aver stretto un accordo con Aruba, ha deciso di collaborare con Microsoft per implementare le soluzioni di settore. E così Fincantieri, che ha firmato un accordo con Amazon Web Services, che rappresenta la piattaforma di servizi cloud più diffusa e utilizzata al mondo. Insomma, laddove le compagnie si sono rese conto di non poter arrivare da sole, hanno chiesto aiuto a terze parti. E questo rende la gara di Colao davvero molto interessante. I partecipanti sono società di grandissima qualità, e non sarà certo semplice scegliere chi gestirà il Polo strategico nazionale.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button