fbpx
NewsSoftwareTech

Con Android 12 lo smartphone potrà aprire e chiudere l’auto

Insieme ad Android 12 arriverà anche la versione dell’app Digital Car Key. Questa trasformerà lo smartphone nelle chiavi della propria auto, permettendo di chiudere e aprire il veicolo direttamente dal dispositivo.

Digital Car Key arriverà insieme ad Android 12

Manca meno di una settimana al lancio di Android 12, previsto per il 19 ottobre. E tra le varie novità e app collegate all’aggiornamento c’è anche Digital Car Key. Si tratta di un applicativo sviluppato da Google, e in realtà già presentato, ma che abbinato al nuovo sistema operativo sarebbe rivoluzionario.

Difatti l’app sarebbe in grado di sostituirsi alle chiavi della propria auto, permettendo all’utente di aprire e chiudere il veicolo. Secondo ANSA non tutti gli smartphone saranno, almeno inizialmente, compatibili con la funzionalità. Allo stesso modo, non tutte le auto saranno in grado di supportare il sistema, dato che si tratta di tecnologie smart di blocco e sblocco sportelli. Sempre secondo ANSA, Digital Car Key dovrebbe essere disponibile fin da subito per gli utenti Samsung e per i nuovi smartphone Pixel (che verranno presentati anch’essi il 19 ottobre).

L’app prevede una vera e propria duplicazione delle chiavi dell’auto: l’utente dovrà quindi registrarsi sull’apposita piattaforma. Come confermato da Google, il sistema sfrutterà le tecnologie NFC e UWB per dialogare con il veicolo. Quindi, per poter funzionare, l’automobile deve supportare tali sistemi, che sono molto diffusi sui modelli recenti, ma decisamente meno nelle auto più datate. 

In tal senso Google sta anche collaborando con numerose case automobilistiche. L’idea è quella di condividere uno standard unico per rendere sempre più automatizzati e smart i veicoli. Una notizia che conferma l’interesse dei colossi tech per l’industria automotive, dopo l’accordo tra Apple e BMW. Cupertino, infatti, dispone già di un servizio simile per iPhone ed Apple Watch, che funziona solo con determinati modelli BMW.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button